sabato, Ottobre 24

Hollande pagherà per la sua politica debole? field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


Parigi – Le elezioni presidenziali del 2017 si avvicinano, e l’operato del Presidente François Hollande, quale rappresentante di punta per la Francia sulla scena internazionale, è minacciato da sette episodi importanti che potrebbero far diminuire le sue possibilità di rielezione più di quanto si possa credere.

Un video che circola in rete mostra François Asselineau, uomo politico sovranista, che descrive e analizza numerosi eventi avvenuti nel 2014 durante la visita ufficiale del Presidente Hollande negli USA. Ciò che si vede nel video, oltre a costituire l’analisi stessa di Asselineau, è straziante per qualsiasi patriota francese e, più in generale, per chiunque creda nella Francia. Nel video, il comico Stephen Colbert racconta la storia di un brutto scherzo giocato da Barack Obama a Hollande durante la cena ufficiale in occasione della visita negli USA.

Poco tempo prima Colbert, durante il suo show in TV, aveva ridicolizzato Hollande prima della visita negli USA con aneddoti di cattivo gusto riguardanti la vita privata del Presidente francese, e riferiti al suo soprannome maligno ‘Flanby’ (la marca di un budino), affibbiatogli in rete dai suoi giovani diffamatori. Gli scherzi riguardavano anche lo sport e le sue lotte con i chili di troppo uniti alla presunta mancanza di fegato di Hollande sulla scena politica internazionale. La crudeltà dello scherzo dei coniugi Obama raggiunge l’apice quando fanno sedere Colbert al posto della first lady francese, assente dalla cena dopo la rottura con Hollande. Colbert successivamente ha ironizzato sull’accaduto affermando di essere diventato la nuova first lady francese.

L’ignaro Hollande sembrava contento di parlare con Colbert al punto di congratularsi con lui per il suo livello di francese. Ma l’apice degli attacchi di Obama è arrivato durante la conferenza stampa in cui il Presidente americano ha giocato sull’interesse di Hollande per i fast food, e ha paragonato i rapporti degli USA con Francia e Inghilterra al rapporto con le sue figlie, Malia e Sasha, aggiungendo che ciascuno dei due partner europei del Paese era, a modo proprio, meraviglioso proprio come le sue due figlie. Senza dover leggere tra le righe, è chiaro che si tratta di un’offesa a entrambe le Nazioni.

Il nuovo libro del leader della sinistra Jean-Luc Mélenchon racconta una storia simile: durante una visita di Stato del Presidente francese in Germania, Angela Merkel ha dato a Hollande quello che Mélenchon chiama un ‘messaggio siciliano’, offrendogli una piccola botte di aringhe di Bismark, in riferimento a una vecchia disputa tra Germania e Francia. Tale gesto è privo di senso perché Bismark era un acerrimo nemico del Paese di Molière. Come se non bastasse, la Merkel ha portato Hollande a fare una gita in barca. La barca si chiamava ‘Nordwind’, come il nome dell’ultima offensiva tedesca contro la Francia nella Seconda Guerra Mondiale. Come è avvenuto durante la visita negli USA, Hollande ha sorriso impassibile senza rendersi conto che c’era qualcosa di sbagliato nel trattamento che stava ricevendo.

Il disprezzo di Obama per la Francia è stato confermato in seguito, quando il Presidente americano si è rifiutato -uno fra i pochi- di partecipare alla marcia di Parigi, dopo l’attacco a ‘Charlie Hebdo‘ in gennaio. Per sottolineare l’atteggiamento americano nei confronti della Francia, non ha partecipato nemmeno Eric Holder, all’epoca dei fatti Procuratore generale, che si trovava a Parigi durante la marcia e che ha preferito rilasciare interviste alle reti televisive americane. La marcia è passata alla storia quasi quanto l’atteggiamento degli USA.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore