lunedì, Maggio 27

Groupon, quando la qualità e il risparmio convergono Con i codici sconto, ci si può togliere uno sfizio a prezzi molto competitivi

0

Al giorno d’ oggi, soprattutto grazie alla grande diffusione di smartphone, tablet o computer, un numero sempre più elevato di persone scelgono lo shopping online per fare gli acquisti.  Questo, però, non comporta una rinuncia allo sconto che, in alcuni casi anche doppio, può rendere la compravendita online più vantaggiosa e più piacevole.

Ecco che l’ arte del ‘risparmio’ si trasforma, adeguandosi ai tempi moderni, e la ricerca dell’ ‘occasione’ a prezzi concorrenziali diventa spasmodica. In quest’ ottica, numerosi portali italiani permettono di ottenere un codice sconto o coupon da utilizzare in fase di acquisto su una determinata piattaforma come Groupon. Peraltro, diverse statistiche hanno segnalato che il mercato dei codici sconto è in profonda evoluzione ed in continua crescita.

Ma cos’è Groupon? Lanciato nel mese di novembre 2008, è store online che espone nella sua vetrina digitale tantissime offerte che possono interessare i propri visitatori. Tali offerte, che si rinnovano periodicamente, sono divise per categorie ( ad esempio, eventi, shopping, ristoranti, bellezza, salute e sport, auto e moto)  e ordinati considerando i cosiddetti deal cioè le attività “vicino a te”, cioè nei pressi del domicilio del singolo acquirente. Inserendo la propria città, è possibile farsi un’ idea delle diverse offerte, comparando i diversi servizi. In questa maniera, la piattaforma consente ai molteplici esercenti di farsi conoscere sul territorio.

Groupon diventa, dunque, l’occasione giusta per togliersi uno sfizio che sia questo un viaggio o un trattamento di bellezza di vivere in compagnia o da soli, sfruttando il prezzo competitivo. Giusto per fare qualche esempio, se per caso salone di bellezza ponesse un taglio, colore e piega a 25 euro su Groupon, chi volesse acquistarlo, invece di pagare i 25 euro indicati nella pagina specifica, potrebbe usufruire di un ulteriore sconto sul prezzo finale tramite i coupon online.

Lo stesso discorso può esser fatto per vacanze, pranzi e cene: secondo un sondaggio Doxa condotto per Groupon, praticamente nessun italiano è esente dalle fissazioni al ristorante: infatti il 94% di chi va a pranzo o a cena fuori ammette di averne qualcuna.  Attraverso oltre 2.000 interviste, la ricerca ha evidenziato come la maggioranza, ossia il 58% delle persone, si innervosisca per il rumore. Anche la locazione del tavolo è un altro criterio di scelta. La voglia di stare bene con se stessi e rilassarsi, il desiderio di convivialità e relazione così come la voglia di sperimentare nuove cucine (cinese, indiana, africana, giapponese, thailandese, ecc) spinge,  in media circa 6 volte al mese, gli italiani a mangiare a pranzo e/o a cena fuori, mentre solo il 16% esce una sola volta.

Anche per quel che riguarda il mondo della tecnologia, Groupon non ha molti rivali: meglio di altri riesce a coniugare l’ acquisto dell’ ultimo ritrovato tecnologico, con i prezzi scontati e l’ ottimo grado di assistenza ed affidabilità.

«La nostra ambizione è diventare la Amazon dei servizi» aveva dichiarato tempo fa Nicola Cattarossi, amministratore delegato per l’Italia di Groupon. E’ «lo stesso cliente»  – ricordava Cattarossi – «che raggiunge il portale per cercare delle offerte, in una logica che premia maggiormente la qualità della quantità». E il tutto appare confermato dall’ enorme numero di visitatori settimanali del portale. Allora, che aspetti a provarlo anche tu?

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore