venerdì, Luglio 10

Green marketing: il nuovo che avanza punta all’ecosostenibilità Un modus operandi da parte di aziende e brand, impegnati nel commercio elettronico, che puntano all'ottimizzazione delle risorse ed alla riduzione degli sprechi

0

La Comunità Europea da tempo insiste sulla necessità di ridurre l’inquinamento ambientale, derivante da un consumo eccessivo di plastica e dagli scarti delle componenti utilizzate.

Questi materiali hanno un forte impatto negativo sull’ambiente e incidono sul budget aziendale, poiché richiedono un processo elaborato e costoso per lo smaltimento.

La sovrapproduzione di materiali inquinanti è evidente soprattutto nel settore del trasporto, del packaging e dell’imballaggio.

Si è infatti verificato un boom degli e-commerce, che fanno un utilizzo intensivo proprio della plastica per l’imballaggio, e la produzione di pacchi e scatole.

Le spedizioni sono letteralmente triplicate negli ultimi tempi, e per dare un po’ di respiro al pianeta in apnea, è nato il cosiddetto green marketing.

Potremmo definirlo come una sorta di modus operandi da parte di aziende e brand, impegnati nel commercio elettronico, che puntano all’ottimizzazione delle risorse ed alla riduzione degli sprechi.

Il risultato finale è un ambiente più pulito ed un minor investimento di capitali per lo smaltimento degli scarti. Il processo riguarda tutta la supply chain logistica, che segue politiche green ed eco-friendly, dalla produzione dell’articolo fino alla consegna al cliente finale.

Le varie tipologie di e-commerce che operano sul mercato sono attive in tutti i settori: sport, alimentari, tecnologia, elettronica, gaming ecc. Ciò significa che per gli imballaggi vengono utilizzati i più svariati prodotti: dalle scatole ai pallet, dai sacchetti alle buste ecc.

Tra i gruppi più innovativi ed eco-friendly nel settore del packaging c’è RAJA, che ha fatto dell’ecosostenibilità e del riciclo dei materiali plastici i suoi principali punti di forza.

RAJA propone un ventaglio molto ampio di offerte, ed il pallet è una delle soluzioni di imballaggio maggiormente utilizzate nell’e-commerce.

I pallet rendono più semplice lo stoccaggio e la movimentazione dei prodotti, garantendo anche una notevole stabilità alle merci più pesanti.

Tra i modelli a disposizione ci sono pallet in legno pressato, in plastica e in cartone, con misure e formati personalizzabili. Per rendere perfetto l’imballaggio si possono aggiungere anche altri elementi come i profili, le interfalde e gli angolari in plastica e cartone.

Sempre più aziende che puntano ad affermarsi sul mercato stanno quindi attuando strategie di green marketing, ponendosi obiettivi e risultati da raggiungere.

Oltre ai benefici ambientali ed economici, bisogna considerare anche quelli in termini di visibilità e di ritorno d’immagine. La maggior parte dei consumatori finali, alla luce degli sconvolgimenti climatici, è sempre più sensibile verso la protezione dell’ambiente circostante.

Ciò significa che gli utenti apprezzano di più quei brand e quelle imprese che perseguono concretamente politiche aziendali eco-friendly. In conclusione una produzione ecosostenibile taglia i costi, riduce l’inquinamento e contribuisce a migliorare la brand awareness.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore