giovedì, Dicembre 12

Grasso cartellino giallo ai magistrati

0
1 2


Da Mola, Bari, all’incontro con i giovani studenti delle scuole sulla legalità interviene il Presidente del Senato Pietro Grasso che alle recenti manifestazioni e prese di posizioni di alcuni magistrati in merito alle vicende della politica italiana ha dichiarato: «Credo che tutti debbano poter esprimere le proprie opinioni su un tema fondamentale quale la Costituzione, anche i magistrati, ma tenendo sempre presenti il rispetto dei ruoli e delle istituzioni, senza esasperare i toni. Ottobre è lontano, dobbiamo arrivarci approfondendo il dibattito, non alimentando lo scontro». e continua ribadendo: «Non bisogna confondere le due attività, io ho fatto una scelta di cambiare dando le dimissioni dalla magistratura e ora sono in politica. La magistratura è una funzione importante che poi però deve lasciare il posto alla politica».

Si sono tenute oggi le commemorazioni per la morte dell’Onorevole Aldo Moro, ucciso dalle Brigate Rosse dopo 55 giorni di prigionia, e per l’assassinio dell’attivista Peppino Impastato, simbolo di giustizia e legalità ammazzato brutalmente dalla Mafia siciliana a Cinisi. A ricordarli il Presidente del Consiglio Matteo Renzi: «E’ una giornata carica di significato il pensiero corre alla grande figura di Moro e della scorta ma il 9 maggio è doveroso richiamare altre donne e uomini: è l’anniversario della tragica uccisione di Peppino Impastato. Ma è anche il giorno di festa dell’Europa». Il Presidente della Repubblica Serigio Mattarella si è diretto a Torrita Tiberina  dove ed ha lasciato una corona d’alloro sulla tomba del Presidente della Democrazia Cristiana, dove si è raccolto in preghiera.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore