mercoledì, Gennaio 16

Giordania, tra elettrico e rinnovabili Una compagnia tedesca sta investendo nelle stazioni di ricarica per le auto elettriche in tutto il Paese e il governo offre incentivi ai consumatori rimuovendo le tasse doganali

0

La Giordania sta andando verso il futuro, che dice sempre più rinnovabili.  E sempre più persone passano alle auto elettriche. Una compagnia tedesca sta investendo nelle stazioni di ricarica per le auto elettriche in tutto il Paese e il governo offre incentivi ai consumatori rimuovendo le tasse doganali. Il tutto per abbandonare le auto che bruciano carburante.

La Giordania in Medio Oriente è un Paese che da anni sta riconvertendo la propria economia. Si è classificata al primo posto in Medio Oriente e Nord Africa per la crescita delle energie rinnovabili e pulite, e terza su 71 Paesi in tutto il mondo, dopo Cina e Brasile. È quanto emerge da un rapporto di Bloomberg.

A esortare questo passaggio all’energia pulita anche il ministro dell’Energia e delle risorse minerarie Saleh Kharabsheh, che ha chiesto ai dipendenti di migliorare il proprio lavoro di squadra per sostenere i risultati ottenuti nel campo dell’energia, in linea con le direttive di Abdullah che dal 1999 ha chiesto l’aumento della dipendenza del Paese dall’energia eolica e solare e dallo shale oil.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.