mercoledì, Luglio 17

Ghana: un piano di investimenti per ridurre la povertà field_506ffbaa4a8d4

0

Nuove misure da parte del Governo, in Ghana, dove la povertà nelle zone rurali aumenta, con l’incremento dei cambiamenti climatici. Il nuovo piano coinvolge il settore agricolo, attraverso un programma di investimenti (GASIP), per contribuire alla riduzione della povertà nelle aree rurali e agro-alimentari, in modo da aumentare la loro redditività e la loro resistenza ai cambiamenti climatici. GASIP verrà attuato, nel corso di sei anni, dal Ministero dell’alimentazione e dell’agricoltura (MoFA), co-finanziato dal Governo e dal Fondo Internazionale per lo sviluppo agricolo, con una somma di 113 milioni di dollari.

Alhaji Mohammed-Muniru Limuna, Ministro dell’Alimentazione e dell’Agricoltura, che ha lanciato GASIP a Tamale, ha detto che il piano sarà efficace per affrontare le sfide che attendono l’agricoltura e per incrementare la produzione e ridurre la povertà, attraverso l’impiego di strumenti tecnologici, attrezzature agricole di qualità, sistemi di irrigazione nuovi e accordi con le istituzioni finanziarie.

Il piano è, inoltre, aperto ad ogni proposta per lo sviluppo agro-alimentare ed è pronto a selezionare e sostenere coloro che si impegneranno nella promessa di lavorare per un impatto positivo sui piccoli proprietari e sull’economia del paese. Il piano punta anche ad attrarre i giovani e le donne nel settore dell’agricoltura e sensibilizzarli sull’importanza di interventi celeri ed efficaci.

(Video tratto dal canale Youtube: TV3 NETWORK LIMITED GHANA)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore