lunedì, Ottobre 21

Germania: Merkel – Schulz, è di nuovo Grosse Koalition La strada sarà in salita o in discesa? Ne abbiamo parlato con il Professor Gian Enrico Rusconi

0

«Ne è valsa la pena». Con queste parole Angela Merkel ha commentato l’ ennesimo tour de force per arrivare ad un’intesa sul futuro governo di Grande Coalizione. «Stanchi, ma felici, l’accordo c’è. Finalmente» ha scritto su whatsapp la leadership del Partito socialdemocratico tedesco, l’ SPD. Angela Merkel ha aggiunto di «aver dovuto fare compromessi» per garantire, a più di quattro mesi dalle elezioni, l’accordo di governo di Grande Coalizione, facendo riferimento alla spartizione dei Ministeri che è stata concordata: all’ SPD il dicastero del Lavoro, degli Esteri, delle Finanze, della Famiglia, della Giustizia e dell’ Ambiente; alla CDU la Difesa, l’ Economia, la Sanità, l’ Istruzione, e l’ Agricoltura; alla CSU gli Interni, i Trasporti/Digitale, e lo Sviluppo.

«E’ stata una lunga strada quella che ci ha portato fin qui. Sono stati giorni intensi, di negoziati…però ne è valsa la pena. Sono convinta che l’accordo potrà dar vita al governo stabile di cui il nostro paese ha bisogno e che il mondo si attende da noi», ha affermato la Cancelliera.

«Mi rallegro dell’accordo di coalizione trovato oggi. E’ una buona notizia per la Germania e per l’Europa. Permetterà di concentrarci su quello che vogliamo. Il fatto di avere a Berlino un governo solido, stabile, ambizioso e proeuropeo, permette di riprendere” a lavorare per la riforma della zona euro. E «quando Parigi, Berlino e Bruxelles remano nella stessa direzione, allora non solo si aprono dei dibattiti, ma c’è anche la possibilità di portarli a conclusione» ha dichiarato il Commissario europeo agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici, in conferenza stampa a Bruxelles, riconoscendo il senso di responsabilità dell’Spd.

L’ ex capo della Cancelleria, il democristiano Peter Altmeier,sarà il ministro dell’Economia del futuro governo; Ursula Von Der Leyen, sempre in quota CDU dovrebbe essere riconfermata alla guida della Difesa mentre favorita per l’incarico all’ Agricoltura e alimentazione sembra essere Julia Klöckner. L’ incarico di capo della cancelleria potrebbe passare all’attuale ministro dell’Interno Thomas De Maizière, già sottosegretario alla presidenza del Consiglio dal 2005 al 2009. Il numero uno della CSU, Horst Seehofer, guiderà, invece, il Ministero dell’ Interno.

Martin Schulz lascerà la guida del partito socialdemocratico tedesco e assumerà l’incarico di ministro degli Esteri.  A prendere il suo posto alla direzione del Partito socialdemocratico sarebbe Andrea Nahles, finora capogruppo Spd. Il socialdemocratico, Olaf Scholz, già sindaco di Amburgo dovrebbe assumere la guida del Ministero delle Finanze, fino a pochi mesi fa in mano a Wolfgang Schauble, e, secondo alcune indiscrezioni, anche la Vicecancelleria. Ma, per quanto riguarda l’ SPD, è ancora tutto in gioco: infatti l’ intesa verrà sottoposta al voto  vincolante  della base socialdemocratica,  pari a  463.723 iscritti, 24.339 in più rispetto all’inizio di gennaio. In vista del voto referendum che inizierà il 17 febbraio e si concluderà il 4 marzo,  Martin Schulz inizierà una campagna di mobilitazione della base per spingere in direzione di un sì all’intesa di governo. In  queste ore, peraltro, la Corte costituzionale tedesca ha respinto cinque ricorsi per bloccare il voto dei militanti del Partito socialdemocratico.

A fine febbraio, invece, la CDU si pronuncerà sull’accordo finale della coalizione in un congresso a Berlino. Il 6 o 7 marzo potrebbe essere convocato il Parlamento per una sessione straordinaria nel corso della quale Angela Merkel verrebbe rieletta cancelliera.

Non tutti però sono rimasti soddisfatti da questo accordo: «Questo contratto (per la grande coalizione) è anche più terribile del previsto.  I fornitori di servizi saranno delusi ed il welfare esploderà. E’ un giorno triste per questo Paese» ha denunciato Oliver Zander, capo del sindacato Gesamtmetall, che rappresenta i lavoratori dell’industria metalmeccanica

Dal canto suo, il presidente delle Camere per l’industria ed il commercio, Eric Schweitzer, “è soddisfatto per alcuni buoni, futuri investimenti” di cui si parla nell’accordo di coalizione, “ma allo stesso tempo c’è preoccupazione per gli oneri eccessivi futuri che avranno un impatto sul mondo del business. Nel complesso  l’industria tedesca non è soddisfatta per il contratto di coalizione. Manca una posizione chiara sugli incentivi fiscali per la ricerca e lo sviluppo». Ingo Kramer, a capo della Confederazione delle associazioni dei lavoratori tedeschi, ha sottolineato che le intese raggiunte nel settore del mercato del lavoro e della politica sociale «mancano di buon senso economico e questo significa meno flessibilità per le aziende, ma più regole e oneri».

Cosa succederà adesso? Ne abbiamo parlato con il Professor Gian Enrico Rusconi, grande esperto di storia tedesca, che ha insegnato Scienza Politica all’ Università di Torino.

Dalle prime notizie, si apprende che la SPD avrebbe ottenuto la guida del Ministero del Lavoro, degli Esteri, delle Finanze, della Famiglia, della Giustizia e dell’ Ambiente. E’ costata, dunque, cara ad Angela Merkel questa Grosse Koalition?

A prima vista sì perché dando un’ occhiata alla distribuzione dei Ministeri, paradossalmente, la CDU è quella che ci guadagna di meno, in un certo senso, anche se ha la Cancelleria. Anche la CSU ha ottenuto gli Interni ed ha già detto che vuol fare qualcosa per l’ “Heimat”. Diciamo, però, che la CSU ha un problema di immagine: vuole difendersi dalla nuova destra che sta emergendo. Certo la SPD, apparentemente, più di così non poteva ottenere: qualcuno ha fatto anche i conti e ha visto che era a capo di tutti questi Ministeri quando era maggioritaria. A questo punto, però, resta da far passare questa formazione ai suoi iscritti: non dimentichiamo che la SPD si è proposta come un ‘partito democratico’. Stiamo a vedere. Può darsi che ci sarà una grande battaglia all’ interno del partito. Però, per vedere se funziona, occorrerà aspettare qualche mese. La posizione di Martin Schulz è singolare: ha ottenuto la guida del Ministero degli Esteri. Ma questo Ministero, con la Merkel vicino, è estremamente relativizzato.

Come ricordava, i termini dell’ intesa verranno illustrati ai 450.000 iscritti dell’ SPD i quali, dal prossimo 17 febbraio prossimo, inizieranno a votare in merito, in via referendaria. Entro i primi di marzo, dovrebbero uscire i risultati. La campagna dovrebbe iniziare a giorni. Pensa che Schulz riuscirà a convincere la propria base?

Sì, oltretutto ha fatto una mossa intelligente: lascia il partito e lo lascia ad una donna molto abile,  Andrea Nahles, che sembra valere anche più di Schulz stesso visto che è molto amata ed è una donna di partito. E questo cambio, però, avrebbe avuto possibilità di funzionamento solo di fronte ad una Grosse Koalition. E’ stata una mossa astuta: si ritira Schulz che è impopolare e, al suo posto, va una donna molto ben qualificata e quindi – diciamo così – la base le si affida.  E’ una soluzione molto sottile perché Schulz esce vincitore, ma a fatica: è vero che va a ricoprire un incarico di prestigio, ma c’è la Merkel, è lei la donna internazionale, e lui rischia di fare come chi lo ha preceduto, ossia collaborare in senso stretto con la Cancelliera. Quindi, in un certo senso,  Schulz esce, ma non da vincente. Poi c’è da considerare un altro elemento: il Ministero delle Finanze è in mano all’ SPD mentre quello dell’ Economia alla CDU. E lì si gioca la partita più importante. E’ chiaro che devono fare una politica di maggiore apertura – “rigore sì, ma con maggiore moderazione” – e devono fare i conti con Macron che non è amato dai democristiani, ma che è fragile senza la Germania. Quindi è tutt’ altro che risolto il problema e proprio questa divisione tra Finanza ed Economia nasconde un’ insidia ancora peggiore.

Visualizzando 1 di 3
Visualizzando 1 di 3

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore