sabato, Maggio 30

Gerardina Trovato sempre e comunque

0
In questi giorni ho rilasciato una intervista per il prestigioso settimanale ‘TV Sorrisi e canzoni’, intervista nella quale mi sono state rivolte domande molto precise e chiare, domande alle quali ho risposto senza tanto tergiversare, in maniera altrettanto chiara. La pubblicazione stessa dell’intervista, nello stile crudo e diretto, dimostra esattamente quanto appena detto.

La sincerità delle mie risposte l’ho ritenuta elemento fondamentale per poter fare chiarezza alle persone -a quanto pare parecchie- che si domandavano il perché io fossi sparita dalle scene.
Non vorrei, però, che la cosa venisse letta come una azione ‘disperata’ per poter in qualche modo attirare l’attenzione e fare qualcosa, discograficamente parlando. Non ho assolutamente piacere di essere compatita o passare per una poveretta finita nell’oblio generale.

E’ assolutamente ovvio che il mio sogno è quello di tornare a calcare i palchi come e più di prima, è altrettanto vero che sto continuando ad andare avanti con la musica e cercherò di fare di tutto per dimostrare che ciò che faccio è degno di nota. Ma se tutto questo è vero, ancor di più lo è il fatto che se non ci riuscirò vuol dire che il destino era questo, magari con molti rimpianti, magari con tante cose che non mi andranno giù, ma i fatti saranno i fatti… e basta. Tutto il resto sono polemiche per la maggior parte inutili.

Noi tutti, appartenenti al mondo dello spettacolo, sappiamo benissimo che il successo è una chimera che può arrivare, può durare un periodo più o meno lungo, ma può benissimo -ed è la maggior parte dei casi- andarsene più veloce di come è arrivato. Credo che l’importante sia viverlo bene quando c’è, cosa peraltro che io personalmente non ho fatto.

Allora cosa si può fare in una situazione di disagio??
Affrontarla con la massima serenità, cosa che devo riuscire a fare, sperando che vada bene. Non dovesse essere così, sicuramente pubblicherò tutti i miei lavori mettendoli a disposizione delle persone che, in maniera incredibile, in tutti questi anni non mi hanno mai dimenticata. Come ringraziamento sarà anche poco, ma è l’unica cosa che posso fare e che in ogni caso farò… successo o non successo, casa discografica o no, per loro e per me in ogni caso così sarà. Ed è proprio questo che mi fa felice, sapere quanti ancora mi vogliono bene nonostante tutto, sapere che sono riuscita a dare tante emozioni.

Ed a questo punto mi rivolgo alla mia metà musicale: Angelo, Angelo Anastasio. Caro Angelo, quante ne abbiamo passate, abbiamo condiviso gioie e dolori, tanto ci siamo voluti bene, tanto ci siamo odiati, nel nostro sodalizio abbiamo condiviso il bene ed anche il male. Parliamoci onestamente: fossimo stati un po’ più umili, forse, chissà, forse avremmo evitato tanti errori, ma la nostra battaglia l’abbiamo comunque vinta, abbiamo lasciato un grande segno, e le persone che ancora ci cercano ne sono la prova, le canzoni che ancora si cantano sono i nostri ‘fatti concreti’ della vittoria personale che abbiamo ottenuto.
Da qui non resta che andare avanti a testa alta qualsiasi cosa succeda, coscienti del fatto di non ripetere mai gli errori del passato. Io sono Gerardina Trovato e lo sarò sempre e comunque.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore