lunedì, Ottobre 21

Fusione in vista tra Eldorado e Casinò Caesars? Tutto quello che c'è da sapere sulla possibile unione tra le attività di casinò dei due resorts

0

Come viene ad essere riferito da fonti che sono a conoscenza dei colloqui che sono in corso in merito all’accordo, Eldorado Resorts è risultata essere favorevole con l’unire le proprie attività di casinò, con quelle del Caesars Entertainment Corporation

Tuttavia, al di là di quanto riferito da fonti confidenziali, Eldorado e Caesars, al momento, non hanno ancora confermato questa importante unione. Quel che certo, è che, in merito alla fusione, vi sono stati numerosi colloqui volti a consolidare questo avvenimento.

In ogni caso, si sta trattando di una fusione da 18 miliardi e che, sempre secondo fonti riservate, la titolarità di questo soggetto congiunto, verrà ad essere svolta, tra i due operatori, in modo, più o meno, congiunto. Di fatti, da quanto si è potuto intendere, il prezzo risulta essere molto vicino a quanto si aspettava il Caesars da un acquirente potenziale.

Di certo, questa eventuale fusione, non è propriamente nata sotto i migliori auspici quando da marzo ebbero inizio i primi colloqui. Difatti, Carl Icahn, uomo d’affari di New York, il più importante azionista di quello che è considerato il gigante di Las Vegas, e il consiglio della società, non erano per nulla d’accordo sul prezzo di vendita. Icahn, infatti, era dell’avviso che i colloqui inerenti alla fusione con Eldorado, avvenissero sotto i 13 dollari che chiedeva. Di avviso contrario, invece, lo erano i membri del consiglio, che ipotizzavano una offerta che potesse risultare molto più equa per ogni azionista.

Il Soggetto Congiunto

La titolarità della società congiunta, come voci di corridoio fanno trapelare, dovrebbe risultare essere divisa tra Casinò Caesars ed Eldorado. Infatti, voci sempre insistenti, andrebbero ad individuare in Tom Reeg, il CEO di Edorado, come l’amministratore delegato di questa nuova società che si andrebbe a formare. Infatti, è risaputo come Carl Icahn sia un forte estimatore delle capacità di Tom Reeg.

Sul mercato, Eldorado, oltre che gestire in 12 stati 26 proprietà, ha un valore che si aggira attorno ai 4 miliardi di dollari. Invece, per quel che riguarda il Caesars, ha un portfolio che include qualcosa come 53 resort in 14 stati Usa e 5 in altri Paesi, con e senza gioco d’azzardo. Oltre a ciò è da ricordare come il Caesars, gestisca, tra gli altri, i brand dei casinò Horseshoe e Harrah’s e che, nell’autunno del 2017, sia uscito da una complessa e lunga bancarotta.

In ogni modo, in caso di unione di questi due resort, si andrebbe a creare un potente blocco di casinò fisici, con forti ambizioni di espansione, oltre che ottenere un consolidamento delle scommesse sportive, recentemente liberalizzate, nel mercato USA.

In conclusione, si potrebbe intravedere qualche difficoltà normativa nell’unione tra il Caesars e l’Eldorado, visto che, ad esempio, ad Atlantic City questo soggetto congiunto andrebbe a gestire ben quattro casinò degli esistenti, il che potrebbe essere visto come una situazione quasi monopolistica, un evento che porterebbe ad una consequenziale richiesta di rinunciare a parte delle proprietà di questo nuovo soggetto congiunto.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore