domenica, Novembre 29

'Free Palestine': rally di protesta nel mondo Rally a cascata di protesta per la liberazione della Palestina. Da Sydney, a Chicago fino a Parigi e Londra

0

Rally di manifestazioni in tutto il mondo per la liberazione della Palestina. Da Sydney, a Chicago fino ad arrivare a Parigi e Londra, al grido ‘Free Palestine‘ attivisti a difesa dei diritti umani si sono uniti in protesta contro le violenze perpetrate dalle forze schierate dallo Stato di Israele. Stando alle ultime stime divulgate dall’agenzia di stampa panaraba ‘Al Jazeera’ , sarebbero stati uccisi 43 i palestinesi, principalmente tra i 18 e i 23 anni, a fronte di 8  militari israeliani, nel corso del conflitto armato di coltelli contro pistole.

PALESTINE RALLY
Quasi un migliaio di attivisti si sono riuniti a Londra, sabato scorso, davanti l’Ambasciata israeliana insieme ad esponenti del mondo dell’associazionismo, e del volontariato, e a George Galloway, leader politico e candidato alle prossime elezioni del 2017, quando gli elettori londinesi verranno chiamati a scegliere il proprio Sindaco (Mayor).

Attimi di tensione si sono registrati nel corso dell’evento, quando due attivisti per cause ancora da accertare sono stati perquisiti, e tratti in stato di fermo dalle forze di Polizia della capitale anglosassone.

(Intervento tratto dalla selezione video della diretta live realizzata dalla Tivù berlinese ‘RT-Ruptly‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore