mercoledì, Settembre 23

Francia: Melenchon, l’ascesa a sorpresa dell’outsider

0

Doveva essere il quarto incomodo. E invece Jean Luc Melenchon sembra essere sempre più l’uomo nuovo delle prossime presidenziali in Francia. A poco più di 10 giorni dal primo turno, i sondaggi cominciano a darlo tra i papabili al ballottaggio. Secondo l’istituto demoscopico Ifop infatti, il leader della sinistra radicale ha superato per la prima volta il candidato della destra repubblicana, Francois Fillon, collocandosi al terzo posto nelle intenzioni di voto dei francesi dietro a Marine Le Pen e Emmanuel Macron.

Melenchon è a 4 punti percentuali dal centrista Macron e la tendenza è confermata da diversi istituti demoscopici. Secondo Ifop, il leader di ‘France insoumise‘ al momento avrebbe il 19% dei consensi, in crescita di ben 7 punti rispetto all’ultima rilevazione di inizio marzo. A crollare è il socialista Hamon, che ha perso oltre 6 punti e ora è solo all’8%. Segno che Melenchon sta rubando voti al collega di sinistra e non ai suoi autentici avversari ideologici.

Tra le sue armi poi l’affidarsi per la gestione della campagna elettorale a un gruppo di studenti e militanti poco più che trentenni. basti pensare che su YouTube, solo per fare un esempio, i suoi video stanno spopolando, tanto che il canale ora conta quasi 280mila abbonati. Ma non solo. Anche la scelta di moltiplicare i suoi comizi utilizzando degli ologrammi è stata una scelta vincente.

E non finisce qui, perché Melenchon ha lanciato anche una singolare iniziativa come quella del Fiscal Kombat, un videogame in cui si prendono a botte i leader politici francesi che hanno aggirato il fisco. Nel mirino Christine Lagarde, direttore del Fondo monetario internazionale, Pierre Gattaz, il capo del Medef (la Confindustria francese). Ma anche Jerome Cahuzac, ex ministro per il Bilancio, al centro di scandali per frode ed evasione, e Francois Fillon.

Per il resto però i toni forti sono stati messi in un cassetto: Melenchon infatti ha deliberatamente deciso di abbassare i toni nel tentativo di prendere le distanze da quella connotazione ‘estremista’ con cui i media e l’opinione pubblica lo hanno sempre bollato. Gli esperti però pensano che la risalita sia finita qui, che ha pescato ormai in quegli elettori che poteva conquistare. ma chissà che non riesca in un altro ‘miracolo’. E comunque in caso di ballottaggio vincerebbe sulla Le Pen. Che sia vicino un exploit inaspettato?

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.