domenica, Dicembre 8

Francia: manifestazioni contro il progetto di aeroporto a Notre dame des Landes 25 squadroni di Gendarmeria, 2.500 agenti, hanno iniziato a smantellare le barricate e le costruzioni abusive

0

Ben 25 squadroni di Gendarmeria, pari a 2.500 agenti, sono arrivati a Notre dame des Landes, nella parte ovest della Francia. Lì,  qualche centinaio di anarchici e ambientalisti aveva occupato i terreni che erano stati finalizzati alla costruzione di un aeroporto. Progetto che è stato cancellato agli inizi di quest’ anno, ma era da anni che su quei terreni, come in altri sul territorio francese, era sorta una ZAD, una ‘Zone a defendre’, un’area autogestita da anarchici e da tutti quei cittadini che vogliono impedire la realizzazione dell’ opera. 

In assetto antisommossa, fin dall’ alba di ieri, il grande schieramento di polizia si è opposto alle barricate ambientaliste e, sebbene ai cronisti fosse stata preclusa la possibilità di raccontare quello che stava avvenendo, diversi giornalisti ne hanno raccontato le fasi più cruente sui social. Le forze dell’ ordine hanno hanno già annunciato di aver raso al suolo più di dieci costruzioni abusive e di aver espulso sei persone.

Non è la prima occupazione del terreno da parte degli attivisti. Già nel 2012, furono usati i trattori per impedire la costruzione dell’ aeroporto.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore