martedì, Marzo 19

Francia – Italia: ‘c’è una luna in fondo al blu’? Ci converrebbe L’Italia deve molto ai cugini d’oltralpe, che, oltre tutto il resto, hanno in mano il il 30% del nostro debito pubblico, ma non abbiamo nulla da invidiare

0

«C’est un coup de poignard à un homme déjà à terre» («è una coltellata a un uomo già in terra»), dichiarava l’allora Ambasciatore francese a Roma, André François-Poncet, al Ministro degli Esteri Galeazzo Ciano, il 10 giugno 1940. Benito Mussolini aveva appena annunciato l’entrata in guerra. Lo sappiamo attraverso le memorie dello storico Jean-Baptiste Duroselle.  

E’ stata l’ultima volta che la Francia ha ritirato il suo ambasciatore a Roma. Ce lo ha ricordato François Beaudonnet, corrispondente a Roma di ‘France 2’, il 7 febbraio scorso, quando l’ambasciatore francese, Christian Masset,  ha lasciato Palazzo Farnese.  

Fortunatamente, si è corsi già ai ripari nella lite. Entrambe le parti hanno gettato acqua sul fuoco, e ieri c’è stato il colloquio tra i due Presidenti, Sergio Mattarella e Emmanuel Macron. Con buona pace delle feluche che vengono ormai ridotte a burattini della politica. E’ imbarazzante che, nell’epoca matura e globalizzata in cui viviamo, due vecchi amici come la Francia e l’Italia possano ancora andare alle scaramucce, come i vecchi tempi.

Dispiace dirlo ai sovranisti, ma l’Italia deve molto ai cugini d’oltralpe. Siamo storicamente una loro costola.
Fu la Francia, nell’Ottocento, a desiderare un Italia unita, per arginare l’avanzata dell’Impero austriaco e il tricolore italiano apparve per la prima volta nella ‘napoleonica’ Repubblica Cisalpina, nel lontano 1797.  Se non fosse stato per il contributo delle truppe di Napoleone III, nella seconda guerra d’indipendenza italiana (1859), l’Italia sarebbe rimasta un satellite dell’Austria, con un appendice romano-cattolica e un ‘quasi’ Regno delle Due Sicilie. Il pegno, fu la cessione di Nizza e della Savoia alla Francia, che ne scelsero plebiscitariamente l’annessione. Giuseppe Garibaldi, nizzardo d’origine, amareggiato da questa decisione, decise di finire i suoi ultimi giorni nella bellisima isola di Caprera, tra la Corsica (un tempo, genovese) e la Sardegna, immerso tra siepi di ginepro e una mare blu, sempre increspato dai venti.

Il nostro stesso codice civile è basato su quello napoleonico e le nostre istituzioni, ereditate dai Savoia, ricalcano quelle francesi. Pensiamo alla Corte di Cassazione, che prende il nome dalla Court de Cassation di Parigi.  

Sono molti i nostri legami con la Francia, inutile negarlo. Ad oggi, la presenza francese nell’economia italiana ha un peso non indifferente.
Dalla partecipazione azionaria di Vivendi in Telecom, all’acquisto da parte francese (Carrefour, Auchan, E.Leclerc) dei nostri supermercati, dei nostri marchi alimentari (Galbani e Parmalat sono in mano alla francese Lactalis) e di abbigliamento (il colosso francese del lusso LVMH, controlla Bulgari, Fendi e Loro Piana).
Oltre un terzo delle aziende italiane della moda è a controllo straniero: sono 66 sulle 163 società prese in considerazioni dall’area studi di Mediobanca e sul fatturato pesano per circa il 34%. La maggior parte di queste aziende (26) sono di proprietà francese, che con i suoi giganti Lvmh e Kering batte tutti in Europa per ricavi.

Anche il nostro sistema bancario e del risparmio, vede la forte presenza dei francesi, pensiamo a Bnp-Paribas e Credit Agricole, che hanno un esposizione verso i crediti al settore pubblico e privato italiano pari a 285 milardi di euro (fonti Bloomberg). E per finire, sono francesi, gli amministratori delegati di Generali, Philippe Donnet, e di Unicredit, Jean Pierre Mustier.

Per contro, la nostra presenza nell’economia francese è molto più contenuta. Campari controlla Grand Marnier, Lavazza controlla Carte Noir e Atlantia, l’aeroporto di Nizza.

Inoltre, guardando al commercio estero, il nostro export verso i transalpini supera l’import francese verso l’Italia e ammonta a 40,5 miliardi di euro, contro i 30,5 della Francia, fonti ICE-Istat.  Facendo due conti, l’’interscambio commerciale tra i due Paesi (import+export), ammonta a 71 miliardi di euro.

L’ultimo dato, quello più interessante, è che le francesi Bnp Paribas, Credit Agricole e Societé Generale detengono il 30% del nostro debito pubblico (i nostri titoli di Stato).

Questo ci fa capire che agitarci troppo ci costerebbe, inutilmente, una perdita di migliaia di posti di lavoro, un ulteriore contributo all’aumento del costo del debito (per lo spread) e una conseguente svalutazione del dei nostri risparmi, con titoli di Stato in caduta e azioni in profondo rosso.  

In fin dei conti, non abbiamo nulla da invidiare ai francesi. Il nostro risparmio privato è più alto di quello francese, ed è pari al quadruplo del nostro debito. L’Italia possiede un indebitamento privato pari al 173% del Pil, più basso rispetto a quello francese (234% del pil). Il nostro export di vino (6 miliardi di euro nel 2018) e di formaggi nel mondo, la Francia ne è il primo importatore, compete a testa alta con quello transalpino. La nostra dieta alimentare, è invidiata in tutto il mondo, a dispetto delle stelle michelin, degli escargot, delle côtes d’agneau e del gratin d’auphinois. La nostra storia pre-unitaria, fatta di Repubbliche Marinare, Ducati e contaminazioni arabo-normanne,  è del tutto originale, nel quadro delle vicende europee. Ma tutto questo, si amalgama, con la storia e la ricchezza culturale dei nostri amici francesi.

L’ultima vicenda Air France-Alitalia, che vede il disinteressamento del vettore francese, per la nostra compagnia, in realtà, sembra dovuta a travagli e riorganizzazioni interne  al gruppo Air France-KLM, più che a vicende politiche.

Quindi, prendiamola a ridere. Tutti i dossier, anche i più scottanti, il respingimento dei migranti, la protezione dei terroristi rossi (qualcuno è anche in Inghilterra.., ma non fa scalpore), possono essere risolti attraverso la via diplomatica, quella non urlata, sicuramente più stancante e poco elettorale. Per finire con i versi della canzone ‘Bartali’ di Paolo Conte, «tra i francesi che si incazzano e i giornali che svolazzano, c’è un po di vento, abbaia la campagna e c’è una luna in fondo al blu».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore