domenica, Gennaio 24

Raggio traente sonoro, ecco i primi esperimenti I ricercatori dell'Università di Bristol hanno creato un dispositivo in grado di levitare gli oggetti in aria e modificarne la traiettoria grazie al potere del suono

0

Onde sonore per far levitare oggetti? Ora è realtà. A riuscirci un gruppo di scienziati in Inghilterra, che hanno usato per la prima volta la tecnica. Ovvio al momento è applicabile solo a piccoli oggetti, manovrandoli intorno ad un ostacolo. L’esperimento ha coinvolto perfino una formica.

La tecnica del raggio traente si preannuncia rivoluzionaria e potrebbe essere usata presto anche in medicina: si potrebbero per esempio estrarre i calcoli renali senza bisogno di incisioni o operazioni particolarmente invasive.

Il suono, che non può essere percepito dall’orecchio umano (170 decibel), è stato creato utilizzando 250 piccole casse ed è così potente da permettere di muovere in aria piccole palle di polistirolo grazie ai vortici acustici. Cambiando la direzione di rotazione dei vortici, il raggio traente si stabilizza e permette all’oggetto di muoversi a mezz’aria.

Finora la tecnica sembra non avere effetti collaterali. La formica non ha subito apparenti danni. Non è esclusa la possibilità di spostare, un giorno, oggetti ancora più grandi.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore