mercoledì, Novembre 25

Foreign Lobby Report: la Corte Penale Internazionale fa lobby contro Trump A Washington: dal Marocco alla Repubblica Domenicana grandi contratti per attività di influenza, e anche l’Italia inizia a mettere la testa fuori, lo fa con l’ufficio culturale dell’Ambasciata

0

Ogni anno governi, società e individui di tutto il mondo spendono mezzo miliardo di dollari per fare pressioni per i loro interessi geopolitici negli Stati Uniti.

Foreign Lobby Report’, il nostro partner a Washington, esamina dozzine di documenti pubblici ogni settimana per produrre il registro più completo delle campagne di influenza straniera ovunque.

Ecco di seguito i titoli principali della settimana appena trascorsa, e questa volta anche l’Italia è in pista.

La Corte Penale Internazionale contro le sanzioni di Trump

La Corte Penale Internazionale dell’Aia ha assunto uno studio legale statunitense per combattere le sanzioni dell’Amministrazione Donald Trump contro i suoi alti funzionari.

L’ufficio di Washington di Wiggin and Dana, con sede nel Connecticut, rappresenta l’ufficio del procuratore capo Fatou Bensouda e Phakiso Mochochoko, il capo della giurisdizione del tribunale, secondo un nuovo deposito presso il Dipartimento di giustizia.

L’Amministrazione Trump ha preso di mira il tribunale che indaga su possibili crimini di guerra e crimini contro l’umanità da parte delle forze militari statunitensi e della CIA in Afghanistan. Gli Stati Uniti non fanno parte dello Statuto di Roma che ha creato il tribunale, struttura che il Segretario di Stato Mike Pompeo ha definito «istituzione completamente distrutta e corrotta».

Il Presidente Trump ha emesso un ordine esecutivoprendendo di mira i funzionari del tribunale l’11 giugno. Il Dipartimento del Tesoro ha dato seguito,il 2 settembre, congelando tutti i beni che Bensouda e Mochochoko potrebbero avere negli Stati Uniti e limitando i loro viaggi negli Stati Uniti.

Questa non è la prima volta che un organismo mondiale si rivolge a una società statunitense dopo essersi trovato nel mirino dell’agenda ‘America First’ di Trump. All’inizio di quest’anno l’Organizzazione mondiale della sanità ha assuntoil gigante delle pubbliche relazioni Hill and Knowlton Strategies per 135.000 dollariper prendere di mira gli influencer chiave, mentre combatteva gli attacchi del Presidente sulla sua risposta alla pandemia COVID-19, secondo quanto riportato per la prima volta dal ‘Foreign Lobby Reportil 17 luglio.

Un gigante minerario guida il blitz di lobbismo marocchino

La più grande azienda del Marocco ha lanciato una massiccia campagna di lobbying e pubbliche relazioni per evitare dazi minacciati e ricostruire la sua presenza a Washington.
La scorsa settimana la filiale americana del gruppo OCP e non meno di quattro aziende statunitensi si sono registrate presso il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti come agenti stranieri del colosso minerario del fosfato.
In apparenza lo sforzo è volto a respingere una indagine sui sussidi da parte del Governo degli Stati Uniti. Ma alcuni dei contratti sono molto più ampi, chiedendo di raggiungere la ‘prossima generazione’ di leader del Congresso e si rivolgono sia all’Amministrazione Donald Trump che alla campagna del suo rivale Joe Biden. Questo lavoro, secondo lobbisti americani, fa parte dello sforzo del Marocco per ricostruire la sua rete di amicizia -contatti e influenzenegli Stati Uniti.

La Repubblica Dominicana conclude un accordo di lobbying da 600.000 dollari

La Repubblica Dominicana ha firmato un contratto di lobbying da 600.000 dollari con Vision Americas e il suo fondatore Roger Francisco Noriega, ex assistente del Segretario di Stato per gli affari dell’emisfero occidentale e ambasciatore presso l’Organizzazione degli Stati americani (OAS) sotto il Presidente George W. Bush. Il neoeletto Presidente Luis Abinader cerca di consolidare la stretta partnership statunitense che ha forgiato sotto l’Amministrazione Donald Trump.

Vision Americas è stata assunta per esercitare pressioni sul ramo esecutivo, sul Congresso e su organizzazioni e società del settore privato.

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha guidato la delegazione statunitense all’insediamento del presidente Abinader, il 16 agosto, la cui elezione ha posto fine ai 16 anni di governo del Partito di Liberazione Domenicano di centro-sinistra. La Repubblica Dominicana si è distinta come l’unico Paese al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a votare con gli Stati Uniti per estendere a tempo indeterminato l’embargo delle Nazioni Unite sulle armi contro l’Iran.

L’India assume azienda vicina a Black Caucus

L‘Ambasciata dell’India a Washington ha assunto una società di lobbying con stretti legami con il Congressional Black Caucus (CBC) in un momento in cui il gruppo è più influente che in qualsiasi momento della sua storia di quasi 50 anni.

Il contratto di sei mesi con il Gruppo Williams è entrato in vigore il 1 ° ottobre e scade il 31 marzo 2021. Sul conto sono registrati il fondatore dell’azienda e il Presidente Michael Williams, che ha servito come assistente speciale per gli affari legislativi sotto il Presidente Bill Clinton, e il subappaltatore Jennifer Stewart, ex assistente dei membri della CBC Eddie Bernice Johnson (D-Texas) e Gregory Meeks (DN.Y.).

Questo è il secondo contratto di lobbismo estero del Gruppo Williams. L’azienda ha firmato un contratto da 30.000 dollari con l’Ambasciata saudita in ottobre per fornire «consulenza strategica sull’impegno con i membri del Congresso».

L’Ambasciata italiana assume una società di pubbliche relazioni per attirare un pubblico più qualificato ai suoi eventi

L’Ambasciata italiana a Washington ha assunto una società di affari pubblici degli Stati Uniti per«amplificare» eventi virtuali e di persona ospitati dall’ambasciata e aiutare ad attirare un«pubblico più qualificato». Lo studio riporterà a Giulia Prati, responsabile dell’Ufficio Affari Culturali dell’Ambasciata.
Questa è la prima volta in più di 50 anni che l’Ambasciata ha registrato una società di lobbying o di pubbliche relazioni ai sensi del Foreign Agents Registration Act (FARA).

Podcast: Trita Parsi del Quincy Institute interviene sulla nuova era dei think tank degli attivisti

Dai un’occhiata al nuovo podcast ‘The Influencers’, ospitato da Richard Levick della società di comunicazioni di crisi Levick.

Nell’episodio di questa settimana, Trita Parsi del Quincy Institute for Responsible Statecraft parla di come COVID-19 ha messo a nudo i limiti dell’egemonia militare statunitense e le somiglianze con i think tank attivisti rivali sulla destra.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Julian Pecquet is the founder and editor of Foreign Lobby Report, the comprehensive news site tracking foreign influence operations in Washington. Prior to launching the site on June 1, 2020, Julian was a reporter and editor for Middle East news site Al-Monitor for six years. There he initiated lobbying coverage that won national awards from the Online News Association and the Society of American Business Editors and Writers (SABEW). Before that he was a Global Affairs reporter for The Hill and a newspaper reporter in Florida for many years. Contact him at jpecquet@foreignlobby.com or on Twitter @JulianPecquet