martedì, Ottobre 27

‘Foreign Lobby Report’ da oggi in Italia attraverso ‘L’Indro’ Il 1° ottobre è stata sancita la partnership editoriale tra le due testate. Obiettivo: offrire al pubblico italiano le informazioni essenziali per decifrare i fatti, interpretare gli accadimenti

0

Foreign Lobby Report’ è orgoglioso di annunciare il suo primo partner internazionale: ‘L’Indro’, quotidiano on line di approfondimento di geopolitica italiano.

Lanciato il 1 ° giugno 2020, dal giornalista veterano di politica estera Julian Pecquet,‘Foreign Lobby Report’ (www.foreignlobby.com) è la risorsa più completa sull’industria dell’influenza straniera da 500 milioni di dollari all’anno a Washington.

Con quasi un decennio di vita sulle spalle, ‘L’Indro’ (www.lindro.it), fondato dall’ex Direttore di RaiUno Carlo Fuscagni e dalla giornalista di Esteri Maria Margherita Peracchino, è il primo quotidiano on line italiano indipendente di geopolitica.

A partire da questa settimana, i Lettori italiani,attraverso L’Indro’, riceveranno, da Washington,la sintesi delle attività delle forze globali che plasmano la diplomazia statunitense, che spesso ha ripercussioni in tutto il mondo”, afferma Pecquet.

Segui i soldi e troverai la mafia, diceva Giovanni Falcone. Oggi, ‘seguireil denaro e l’influenza significa riuscire a decifrare i fatti che accadono nei nostri cortili quanto sulla scena internazionale”, dice Margherita Peracchino. “Oggi più di sempre è dannatamente vitale riuscire a conoscere cosa c’è dietro i fatti, a monte dei fatti. Abbiamo bisogno di essere in grado interpretare quanto accade”.

Che si tratti di fazioni locali in Libia, corporazioni cinesi sanzionate o Stati rivali che si affrontano nel Caucaso o nella valle del Nilo, gli impareggiabili rapporti di ‘Foreign Lobby Report’ si sforzano di portare alla luce quelle operazioni di influenza, che sono a monte dei fatti.
Per questo ‘L’Indro’ ha accolto con grande piacere l’opportunità di una partnership editoriale con ‘Foreign Lobby Report’.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore