martedì, Ottobre 20

Ford Safecap, un cappello che salva la vita  Il suo funzionamento si basa su giroscopi e accelerometri, collegati ad un micro processore, in grado di rilevare i colpi di sonno.

0

Questo normale cappello potrebbe salvare la vita ad un camionista o ad un qualsiasi altro  conducente di veicolo. E’ SafeCap ed è stato progettato dall’agenzia creativa GTB di Ford e San Paolo. Si tratta di un cappello, con tanto di visiera, è capace di capire se una persona che si trova alla guida sta per addormentarsi e, se è in preda ad un colpo di sonno, cerca di svegliarla con luci, suoni e vibrazione. Si stima che 250.000 americani sono colti  da colpo di sonno mentre guidano ogni giorno. 

SafeCap, un esempio di tecnologia indossabile utilizzabile da chi è alla guida, è stato svelato da Ford  in occasione del 60° anniversario dell’avvio della produzione dei propri camion in Brasile.  Il suo funzionamento si basa su giroscopi e accelerometri, collegati ad un micro processore, in grado di rilevare i movimenti della testa e quindi individuare i colpi sonno.

La Ford vorrebbe rendere il cappello ampiamente disponibile, ma prima dovrà sottoporlo a ulteriori test. Ha anche specificato che, almeno per il momento, SafeCap non è destinato alla vendita in tutte le concessionarie dell’azienda statunitense sparse per il mondo. L ‘ obiettivo è trovare un’ azienda partner con cui lanciarlo al più presto sul mercato mondiale.

(Video tratto dal canale Youtube Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore