domenica, Giugno 7

Focus sulle garanzie accessorie: cosa sono e come sceglierle Per avere una protezione maggiore contro altri eventi o situazioni che possono verificarsi durante la guida, è consigliabile sottoscrivere delle garanzie accessorie. Ecco le più gettonate

0

La polizza RC auto è obbligatoria per circolare liberamente in strada, ma la copertura assicurativa di ‘base’ è molto limitata. 

Per avere una protezione maggiore contro altri eventi o situazioni che possono verificarsi durante la guida, è consigliabile sottoscrivere delle garanzie accessorie. Sono coperture assicurative opzionali per tutelare l’incolumità dello stesso assicurato e del veicolo.

Il panorama delle garanzie accessorie è molto ampio, e la loro sottoscrizione determina un aumento del premio finale, quindi è opportuno scegliere attentamente quelle più adeguate in base al proprio stile di guida.

Tra le più gettonate c’è la Kasko, che copre i cosiddetti danni propri, cioè verificati al proprio veicolo. É tra le più costose ma anche tra le più vantaggiose, poiché rimborsa in caso di incidente con colpa.

In alternativa c’è la mini Kasko, più economica, che copre solo i danni derivanti da un sinistro con un altro veicolo identificato.

Non tutti gli incidenti si risolvono con la cosiddetta constatazione amichevole, quindi possono essere avviati procedimenti civili o addirittura penali che richiedono un esborso importante di soldi. In questi casi torna molto utile l’assistenza tutela legale, che offre all’assicurato una copertura completa per le spese civili, penali ed amministrative da sostenere.

Tra le garanzie accessorie più gettonate c’è il furto ed incendio, che risarcisce l’assicurato in caso di sottrazione, danneggiamento o distruzione del veicolo. Il premio viene calcolato in base al valore del mezzo al momento del furto o dell’incendio.

Vetri rotti o scheggiati sono inconvenienti che deve affrontare spesso che viaggia su strade dissestate. La polizza più indicata è l’assicurazione cristalli, che offre una copertura completa per la sostituzione di vetri rotti o danneggiati di parabrezza, lunotto posteriore ed altri finestrini.

Un’altra garanzia molto apprezzata è l’assistenza stradale, che recupera il veicolo incidentato o rimasto in panne. É previsto anche il traino presso la prima officina disponibile o, in alternativa, presso il centro di assistenza della casa costruttrice del veicolo.

L’assicurazione infortuni conducente copre anche in caso di incidente con colpa. Tale garanzia rimborsa le eventuali spese mediche, l’invalidità permanente ed il decesso, ma non tutte le compagnie seguono lo stesso modus operandi.

Per chi vive in zone geografiche particolarmente pericolose, è consigliabile l’assicurazione eventi naturali contro temporali, grandinate, allagamenti o terremoti.

Da segnalare anche l’assicurazione eventi socio-politici ed atti vandalici, che copre i danni dell’auto derivanti da manifestazioni, scioperi violenti o atti di terrorismo.

Trattandosi di coperture che rischiano di far lievitare il costo del premio finale, è consigliabile rivolgersi ad una compagnia affidabile come Prima Assicurazioni.

Il gruppo assicurativo punta su una politica dei prezzi molto competitiva, e sul sito prima.it mette a disposizione le più importanti garanzie accessorie per offrire al cliente una protezione completa e funzionale secondo le sue necessità.

Tutti i servizi possono inoltre essere gestiti direttamente online con un’app, facile da usare e con un’interfaccia molto intuitiva.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore