domenica, Novembre 17

Firenze invasa dal turismo Air Bnb

0
1 2


Questa lunga calda estate fiorentina, densa come non mai di iniziative culturali, cinematografiche, di svago,  in questa Firenze fortunatamente ancora al riparo dalla crisi idrica e dalla siccità che colpisce molte città italiane, la polemica e la discussione  sembrano accendersi attorno ad un paradosso: quello del turismo.

Sì,  mentre le istituzioni han fatto e continuano a fare  di tutto per promuoverne l’immagine nel mondo (si pensi ai kolossal cinematografici,  come quelli tratti dai libri di Dan Brown o alle serie tv come quella sui Medici,  ai documentari  internazionali, ecc.),  c’è chi si lamenta per il fatto che il suo centro storico  sia assediato dal turismo. Un turismo cialtrone, fonte di degrado, di bivacchi sui sagrati delle chiese, di bottiglie abbandonate per strada, di mancanza di rispetto per i luoghi di culto e i suoi monumenti.

Il Presidente degli industriali Luigi Salvadori  lo ha definito   turismo ciabattone,  gli ha fatto eco il Cardinale Arcivescovo Giuseppe Betori, parlando nell’omelia in Duomo per la festa del patrono della città, S.Giovanni, di «turismo frettoloso  che svilisce gli spazi della città». Occorre – secondo l’illustre prelato  – «ridefinire il volto di una città che non può accettare di ridursi ad una spazio per turisti frettolosi, ad un centro disancorato dalle proprie periferie, abbandonate alla loro insignificanza, ma come una comunità solidale, parimenti attenta a tutti, in specie agli ultimi». Un’occasione solenne, dunque, quella prescelta per  far conoscere alle istituzioni  – in particolare al Sindaco Dario Nardella, presente alla cerimonia – ed alla cittadinanza il suo pensiero riguardo allo stato della città. Nel corso della sua omelia il Cardinale ha aggiunto che «la città ha bisogno di presenze vive, di istituzioni che sappiano valorizzare e promuovere contemporaneamente il loro portato culturale con la loro vocazione all’incontro con gli uomini. Non solo contenitori, ma soggetti attuali di esperienze». La sua è stata l’ultima sortita in ordine di tempo su un tema complesso che investe la stessa idea di città e sulla quale il confronto è aperto.  

Un atteggiamento critico era già  stato manifestato giorni addietro, quando il Comune decise di intervenire con getti d’acqua sui turisti accampati sul sagrato del Duomo o di S.Croce, proprio per  garantire il rispetto della sacralità di quei  luoghi.  Il Comune si difese dicendo che un po’ d’acqua, in questo clima torrido non avrebbe fatto male  a nessuno e, comunque, meglio che applicare multe salate, come avviene in altre città.

Altri organismi, invece, come la CGIL e il Sunia, Sindacato degli inquilini, pongono l’accento su un altro aspetto. Quello della rapida trasformazione delle abitazioni del centro storico in un insieme di Air BnB. Lo hanno fatto durante un incontro pubblico con l’assessore comunale Sara Funaro, in un confronto sereno, senza violenze verbali ( cosa rara di questi tempi). Ciò che più allarma è il fatto che Firenze è divenuta  che ha in Italia la percentuale più alta  in base alla di affittuari Air Bnb : una percentuale che supera  all’interno del centro storico, il 20%. E che ogni anno mille fiorentini si trasferiscono nei comuni limitrofi.

Secondo il Sunia ci troviamo di fronte ad un mercato delle  locazioni drogato.  Da tempo ormai molti piccoli appartamenti,  delle zone  più popolari del centro, anche degradati sono acquistati da agenzie e  società immobiliari, che li  ristrutturano, trasformandoli in mono o bilocali e li affittano via Internet anche per uno-due giorni ai  turisti.  Ma sono anche i piccoli proprietari a cercare attraverso questa attività forme di guadagno, anche minimo.  Non solo il sistema alberghiero ne risente, ma ciò che più preoccupa  è l’abbandono della città da parte dei suoi residenti. Niente di particolarmente nuovo,   sostengono questi organismi suffragati dalle ricerche condotte dall’urbanista Manlio Marchetta (Università di Firenze),  dal sociologo  Luca Raffini (Università di Genova),  dal dirigente dell’area welfare/casa di Barcellona Ricardo Fernandez , da Letizia Chiappini ( Università di Amsterdam), da Fulvio Farnesi (Federconsumatori), da Laura Grandi  e Daniele Barbieri ( Sunia) e da Paola Galgani, segretaria generale CGIL Firenze.

Ma negli ultimi tempi la vocazione prettamente turistica della città ha preso il sopravvento e si sta trasformando. In peggio? In meglio?  I dati ci dicono che   Firenze è invasa dai turisti – 10 milioni l’anno e più –  e i fiorentini scappano verso i comuni limitrofi ove  il costo degli affitti e delle abitazioni è più basso. Per loro, il centro è divenuto invivibile, le vecchie botteghe hanno chiuso i battenti, un esercito di artigiani e  piccoli esercenti sono stati sostituiti da minimarket, o birrerie, kebab e paninoteche; tribunale, università e cinema sono stati spostati in altre aree.  La sensazione – dicono – è che sia il turismo  a dettare il cambiamento, relegando i fiorentini ai margini della loro stessa città.

La Confcommercio  stima che  negli ultimi 20 anni hanno tirato giù le serrande più di 25 mila attività tradizionali e soltanto il 10% delle botteghe storiche hanno resistito, «con il risultato che insieme alle attività svanisce anche il cuore della città». Ma, il colpo più pesante è dato dalla sparizione delle abitazioni, sostituite Air Bnb e B&B. Basti pensare che sono 8 mila gli  alloggi sulla piattaforma  e l’hanno scorso hanno avuto un incasso medio  di 5,300 euro, uno solo è arrivato a 700 mila euro ( dati Ladest – Università di Siena). Da questi dati ed altri ancora risulta che Firenze è la città in Italia che ha la percentuale più alta di affittuari Ari Bnb in base alla popolazione, come Venezia e più di Roma, Milano, Barcellona,  Parigi, Londra, New York. Siamo  davvero destinati  – si chiedono – davvero ad accettare che Firenze diventi (se già non lo è) la Disneyland del Rinascimento, la città museo a cielo aperto, ovvero  una città senz’anima, poiché priva dei suoi abitanti? Sempre più Florence e sempre meno Firenze?

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore