lunedì, Novembre 11

F-117A, la pensione è vicina Ora il budget 2017 americano li 'elimina' completamente ed entro 15 anni saranno tutti smantellati

0

E’ ormai arrivato il momento di dire addio all’F-117A, il primo aereo stealth della storia. Gli Usa lo avevano già mandato in pensione del 2008, lasciando gli ultimi esemplari però operativi. Ora il budget 2017 li ‘elimina’ completamente ed entro 15 anni saranno tutti smantellati. Molti di questi andranno in qualche museo come pezzo d’antiquariato.

Le specifiche che portarono alla nascita dell’ F-117A vennero diramate verso la fine degli anni ’70, anche se i primi studi e le prime valutazioni circa la progettazione di un velivolo invisibile ai radar risalgono al termine della Seconda Guerra Mondiale. Tuttavia soltanto con l’avvento dell’informatica è stato possibile dare corpo agli studi.

La bassa visibilità dell’F-117A ai radar è principalmente dovuta all’uso di materiali radar-assorbenti, alla rinuncia quasi totale di superfici o segmenti curvilinei nonché all’eliminazione dei punti ad alto potere radar-riflettente.

Ma come funzionava la capacità stealth dell’F-117A? Tutto dipende dalla forma spigolosa dell’aereo, che è stata appositamente disegnata al fine di disperdere in tutte le direzioni la radiazione radar incidente. Se lo scopo di una stazione radar è quello di emettere delle onde elettromagnetiche che ritornino al ricevitore dopo aver colpito il bersaglio, il segreto per non essere scoperti è semplicemente quello di non permettere alle onde stesse di tornare alla fonte.

Grazie alle sue forme, le emissioni radar che colpiscono l’F-117A vengono riflesse in tutte le direzioni e non ritornano se non in minima percentuale nella direzione di partenza, in modo tale che sullo schermo dell’operatore radar non rimane nessuna traccia certa della presenza dell’aereo.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.