giovedì, Dicembre 12

Etiopia, il servizio M-Birr permette di pagare col cellulare

0

L’Etiopia, il secondo paese più popoloso dell’Africa e una delle economie africane in più rapida crescita, sta spingendo la popolazione ad utilizzare un nuovo servizio elettronico di pagamento per cellulare, chiamato M-Birr, o ‘mobile-money’, nel tentativo di portare milioni di persone all’interno del sistema bancario e dei servizi finanziari. E così sta accadendo: a Doni, una cittadina remota di circa 5.000 persone che si trova a 130 chilometri a sud est della capitale Addis Abeba, vi sono numerosi segnali che indicano quanto questo servizio per cellulare sia popolare e diffuso. Infatti, M-Birr è un servizio che permette di tagliar fuori tutta quella ingombrante burocrazia che in precedenza ha costretto numerosi clienti delle banche a percorrere lunghe distanze e a passare gran parte del proprio tempo in attesa di richieste da elaborare, a volte dovendo poi tornare il giorno successivo per raccogliere il denaro.

«M-Birr è più conveniente per i beneficiari» ha commentato il system’s local manager presente a Doni, Adane Hirpho. «Abbiamo cinque agenti in città. Le persone entrano in uno di questi negozi e ottengono i loro soldi immediatamente».

Creato dalla compagnia irlandese MOSS ICT, il servizio è stato lanciato in Etiopia all’inizio del 2015, in collaborazione con diverse banche. Gli operatori dicono che il sistema di pagamento mobile è anche più sicuro rispetto ai sistemi di pagamento vecchi. «Le persone hanno un numero PIN, e devono mostrare la loro carta beneficiario, quindi non c’è alcun rischio di frode» ha dichiarato Yves Dublino, dal fondo Onu per l’infanzia Unicef, che fornisce il supporto tecnico.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di AFP News Agency)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore