sabato, Gennaio 25

Esercitazioni militari: prosegue ‘Sea Breeze 2016’ field_506ffbaa4a8d4

0

Da qualche giorno hanno preso il via le esercitazioni militari che prendono il nome di ‘Sea Brezze 2016’, organizzate su base bilaterale da Ucraina e Stati Uniti, ma con la partecipazione di soldati provenienti da 14 Paesi diversi. Saranno coinvolte più di 25 navi militari e da rifornimento. Come riporta ‘Ukrinform’, l’obiettivo dei gruppi d’assalto sarebbe quello di esercitarsi per operazioni di controllo su strutture quali porti e acquedotti per ovviare a eventuali “aree di crisi” nelle zone costiere. La manovra è sotto il controllo del Comando della Marina militare dell’Ucraina e le zone interessate saranno le regioni che si affacciano sul Mar Nero nord-occidentale, Odessa e Mykolayiv: si andrà avanti fino al 30 luglio con sbarchi, atterraggi, prove di fuoco per l’artiglieria e difesa anti-aerea e marittima.

Le esercitazioni militari ucraino-statunitensi ‘Sea Brezze’ non sono una novità. È dal 1997 infatti che si svolgono con cadenza annuale, come d’accordo previsto dai trattati bilaterali siglati tra i due Paesi. In particolare, è possibile notare che il 1993 sia stato un anno prolifico nella ratifica di accordi tra Ucraina e Usa, soprattutto alla luce della denuclearizzazione di un’area dell’ex Unione Sovietica su cui il Paese a stelle e strisce ha esteso la propria influenza a partire dalla caduta del Muro di Berlino. Ciò condusse, è bene ricordarlo, al Memorandum di Budapest sulla sicurezza del 1994 (qui è possibile consultarne un estratto), in cui Russia, Stati Uniti, Bielorussia, Kazakistan e Ucraina si impegnavano per la non proliferazione delle armi nucleari.

 (video tratto dal canale Youtube di ‘Ruply TV’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore