venerdì, Dicembre 13

Escort e internet: due mondi in evoluzione Escort sul web significa un grosso giro d’affari per le escort stesse, assenza di sfruttamento e soprattutto garanzia di una qualità superiore

0

La vecchia idea che abbiamo in mente delle donne ai bordi delle strade in attesa che qualcuno compri i loro ‘servizi’ è sicuramente quella più radicata nel nostro immaginario, quella che meglio ci dà l’idea di questo tipo di lavoro. Eppure, nonostante questo aspetto sia lontano dallo scomparire del tutto, è tuttavia quello che meno rispecchia la realtà moderna e soprattutto in evoluzione di questo mondo. Questi due universi hanno subìto una forte evoluzione negli ultimi anni, assieme alla tecnologia sono evoluti i modi in cui compriamo, prenotiamo vacanze, cene al ristorante e anche servizi particolari come quello delle escort. Oggi si controlla tutto, si leggono recensioni, si controlla l’affidabilità di qualcuno, si cerca di reperire in Rete quante più informazioni possibili, anche riguardo ad un settore tanto particolare come quello delle escort.

Va anzitutto ricordato e tenuto sempre a mente che il mondo delle escort sul web e quello delle prostitute ai bordi delle strade è totalmente diverso, potremmo dire che sono due mondi estranei tra di loro, ancor meno di due facce della stessa medaglia, per molte ragioni. Strada è sinonimo di degrado, sfruttamento, condizioni disagiate e spesso di condizioni estreme quali ricatti, schiavitù e povertà. Non a caso le italiane sono da anni quasi scomparse dalle strade. Escort sul web significa invece un grosso giro d’affari per le escort stesse, assenza di sfruttamento e soprattutto garanzia di una qualità superiore. È impensabile immaginare una vera escort in strada, mentre quelle che già vi sono non hanno la libertà di scegliere una vita diversa.Il web ha cambiato tutto: prima c’erano comunque gli annunci di relazioni sociali sulle pagine locali dei quotidiani, ma il limite per il potenziale cliente era enorme, ovviamente: niente foto, niente profili completi di informazioni, niente di nulla, solo un numero di telefono e alle volte neanche quello, solo un indirizzo e un citofono senza nome.

Oggi si preferisce il web, tutti lo preferiscono, escort e clienti allo stesso modo. Molte escort non amano essere definite prostitute, anche perché molte dichiarano che non vanno dritte all’atto sessuale, anche se fanno prestazioni a pagamento vogliono essere corteggiate come tutte le donne. E gli uomini facoltosi e benestanti amano questo, e non hanno problemi a pagare somme elevate oltre a cene in costosi ristoranti e spesso week end interi in alberghi di lusso. Sicuramente questo dà maggior dignità alle donne, e tralasciando comunque in questa sede le evidenti implicazioni morali che ognuno di noi vive e percepisce in modo diverso, sicuramente il web ha liberato le strade, evitandoci spettacoli spesso poco decorosi, di donne messe in vendita su una strada con migliaia di automobilisti in grado di vederle e riconoscerle. Spesso, infatti, talune escort oscurano il loro volto o almeno i loro occhi, per rendersi irriconoscibili. Infatti alcune di loro fanno le escort in maniera provvisoria e hanno intenzione di smettere appena possibile.

Oggi quindi i siti di escort abbondano, e abbiamo la possibilità di cercare le escort della nostra città, basta digitare su Google la parola escort seguita dal nome della città che ci interessa, come per esempio escort Roma oppure annunci escort Milano, solo per citare le città più diffuse. Ci sono ovviamente escort anche nei piccoli centri, e spesso molte di loro sono anche disposte a spostarsi, specialmente in città vicine, quindi una escort di Bologna viaggerà senza problemi a Firenze, ovviamente previo rimborso spese. Pertanto una escort si registra e inserisce la propria disponibilità nelle città italiane che preferisce, o dove vive abitualmente. Poi vengono le recensioni dei clienti, che evitano anzitutto situazioni imbarazzanti, ovvero escort che mettono foto false o casi estremi di escort che si presentano come donne e invece sono dei transessuali. Grazie a questi portali si è quindi ridotto molto il rischio di subire truffe o di essere ingannati.

Escort in Italia

Essendo queste ‘professioniste’ indipendenti, i siti di escort non pongono tutta la serie di problemi che si riscontreranno sulle strade o nei tanti centri massaggi cinesi o di altre nazionalità. Le escort gestiscono in maniera totalmente autonoma gli annunci, e anzi, i siti di escort sono ancora più estranei all’attività della escort rispetto ad un quotidiano che ne pubblica l’annuncio, visto che in questi siti tutto avviene in maniera autonoma, pertanto non viene esercitato alcun tipo di intervento sugli annunci, salvo evidenti casi di violazioni della legge. Oltre a questo, spesso questi siti hanno anche delle opzioni gratuite, quindi non sempre vi è un pagamento di denaro per pubblicare un annuncio di una escort. Vi sono veramente molti profili diversi che caratterizzano le escort, difficile generalizzare: dalla escort di lusso italiana che chiede molto e offre poco (a parte un corpo da top model) alla escort di basso livello per chi non vuole spendere o ha gusti particolari. Abbiamo escort con una buona cultura e escort che appena sanno scrivere. Tutte comunque vogliono sentirsi indipendenti e rispettate. Che a nessuno salti in testa di chiamarle puttane o anche solo prostituite, queste parole fanno parte di un vocabolario ante il linguaggio politically correct al quale siamo abituati oggi. Ce lo spiega Mario, uno dei collaboratori del sito escortaltop.it, tra i più diffusi portali di escort in Italia: Mi trovo a parlare ogni giorno per telefono con molte di loro, e l’unica cosa di cui ho certezza è il fatto che queste donne sono indipendenti, forti e per nulla imbarazzate da ciò che fanno. Per il resto vengono tutte da situazioni molto diverse come diverso è il loro approccio: quelle che si nascondono, quelle che invece fanno tutto alla luce del sole arrivando persino a pubblicare libri e ad andare in televisione, da quelle che lo faranno per tutta la vita o quasi a quelle “mordi e fuggi’. Ma sicuramente poche sono spinte da una vera necessità, la maggior parte lo fanno perché amano la bella vita e si vogliono circondare da uomini ricchi e potenti”.

Forse in queste parole abbiamo trovato un denominatore comune per molte delle escort del web, almeno quelle di livello: la voglia del lusso e del bello, che poi è ciò che i loro stessi clienti cercano.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore