lunedì, Maggio 27

Elvis l'immortale

0

Lunedì scorso la Elvis Presley Enterprises ha annunciato la vendita del 2o milionesimo biglietto per la visita della grande tenuta del rocker Graceland, a Memphis in Tennessee. La villa era originariamente una fattoria di proprietà Graceland era originariamente di proprietà del sig. S.C. Toof, fondatore della SC Toof & Co e fu ribattezzata ‘Graceland‘ in onore della figlia Grace. Elvis comprò la casa nel 1957 al costo di 100,000 dollari e vi si trasferì per sfuggire ai media ed alla folla sempre più crescente di fans, con il padre Vernom e la madre Gladys. La futura moglie del ‘Re‘ Priscilla Beaulieu, meglio nota come Priscilla Presley, soggiornò a Graceland per cinque anni prima di sposarlo restando dopo le nozze nella tenuta per altrettanti anni fino al 1972 quando si separò dal marito. Graceland è diventata un museo nel 1982, nel 1991 il National Register of Historic Places lo ha inserito nel suo elenco e nel 2006 è stato registrato come  Monumento Storico Nazionale. Il piano superiore della residenza, ove è presente il bagno in cui è stato rivenuto il cadavere del cantante, non risulta aperto al pubblico. Le camere in cui hanno libero accesso i visitatori sono la  ‘stanza delle TV’ dove Elvis guardava anche tre monitor accesi in simultanea, la ‘sala dell’oro’, costituita da un corridoio contornato da dischi doro e suite indossate durante i concerti, e la ‘stanza della musica’ poco distante dall’ingresso.

 

(fonte video tratta da canale YouTube ‘Wochit Business’)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore