sabato, Agosto 8

Elias, il robot-insegnante che spopola in Finlandia E' una soluzione per l'apprendimento delle lingue, attualmente in fase di sperimentazione

0

Elias, il nuovo insegnante di lingue in una scuola nel sud della Finlandia, ha una pazienza infinita per la ripetizione, non fa mai sentire un alunno in imbarazzo per aver fatto una domanda e può persino fare il ballo Gangnam Style. Ma Elias non è un uomo ma un robot.

E’ una soluzione per l’apprendimento delle lingue che comprende un robot umanoide e un’applicazione mobile, attualmente in fase di sperimentazione in un programma pilota di un anno accanto a un robot per l’insegnamento della matematica. Il tutto viene sperimentato in una scuola elementare della terza città più grande della Finlandia.

Elias può parlare 23 lingue ed è dotato di un software che gli consente di comprendere le esigenze degli studenti. Comunica in finlandese o in inglese, riconoscendo i livelli di abilità dell’alunno e adeguando automaticamente le domande di conseguenza, dando feedback all’insegnante sui possibili problemi.

Alcuni insegnanti che hanno lavorato con lui lo vedono come uno dei tanti strumenti educativi da utilizzare per coinvolgere i bambini con l’apprendimento. Insomma un modo nuovo per coinvolgere i bambini e motivarli e renderli attivi.

Ma Elias non è una novità: negli ultimi anni sono stati utilizzati robot didattici in Medio Oriente, Asia e Stati Uniti.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.