domenica, Novembre 17

Elezioni europee: i social alleati dei sovranisti Il sovranismo, funzionale a riempire la mancanza d’identità e le inefficienze dell’attuale sistema economico globalizzato ha nei social il migliore alleato; Trump e Brexit una lezione da non dimenticare

0

All’indomani della caduta del Muro di Berlino, lo storico della Stanford University, Francis Fukuyama, osò parlare, in suo famoso libro ‘The End of History and the Last Man’, di ‘Fine della Storia’. Passati quasi tent’anni, potremmo effettivamente intravedere la fine della storia, nella contrapposizione tra ideologie di destra e di sinistra. Dimenticandoci della guerra fredda, la fotografia attuale è la divisione, nel mondo occidentale, tra globalisti e sovranisti.

L’ascesa del sovranismo è stata innescata da vari fattori: la globalizzazione commerciale e la concorrenza salariale, la terza rivoluzione industriale in atto (quella tecnologico-digitale, che ha cambiato anche il modo di lavorare), l’impoverimento della classe media (motore di tutte le economie), e l’auto-rigenerazione della ricchezza finanziaria, che non è stata in grado di interagire con l’economia reale.

A ciò, si aggiunge la reazione emotiva alla trappola mediatica del terrorismo islamico e al crescente fenomeno dell’immigrazione, dovuta alla maggiore consapevolezza delle disparità nella qualità di vita, tra Paesi industrializzati e Paesi in via di sviluppo.

Sull’attuale sofferenza della classe media, ci illumina un recente studio dell’Ocse ‘Under Pressure: The Squeezed Middle Class’, nel quale viene evidenziata la crescente perdita del potere d’acquisto salariale della classe media, negli ultimi trent’anni. L’analisi è confermata anche da un altro studio, questo dell’Ilo (l’Organizzazione Internazionale del Lavoro), intitolato ‘Europe’s Disappearing Middle Class’.

La fine dell’era ideologica ha lasciato un vuoto di pensiero nelle nuove generazioni. Da qui il crescente interesse verso il radicalismo, con il suo bagaglio di risposte facili e apparentemente chiare, rispetto all’evanescenza del moderno relativismo.
Così nasce l’attuale sovranismo, per riempire la mancanza d’identità e le inefficienze dell’attuale sistema economico globalizzato.
Per formare un’identità, occorre creare un nemico, in questo modo, alimentando le paure, i partiti sovranisti hanno fiutato il malessere e lo hanno trasformato in un motore di aggregazione. Il loro obiettivo? Creare un’identità nazionale, garantendo le frontiere e la produzione economica interna, limitando l’immigrazione e, soprattutto,  riempiendo il vuoto delle emergenze sociali, lasciato dai partiti socialisti.

La polarizzazione della società attuale è anche dovuta a un modello di business che attira l’attenzione facendo leva sulle emozioni più forti. Una modificazione indotta dall’attuale iperconnesione, che ci bombarda di informazioni e che riduce drasticamente il nostro livello di analisi e concentrazione. Come dimostra un’interessante libro della scrittrice e giornalista del ‘Boston GlobeMaggie Jackson, sull’era della distrazione di massa, dal titolo ‘Distracted: The Erosion of Attention and the Coming Dark Age’. Oltre all’allarme lanciato da molti neuroscenziati, tra i quali Michael Merzenich, vincitore del prestigioso Kavli Prize delle neuroscienze e professore emerito all’Università della California, su come la tecnologa stia cambiando (in peggio)  il nostro cervello.

Questo influenza indubbiamente anche le scelte politiche. Il risultato è davanti ai nostri occhi. I partiti sovranisti sono riusciti, grazie all’uso dei social (vedi scandalo Cambridge Analityca), a manipolare il voto di due eventi che stanno cambiando il corso della nostra storia, la Brexit e le elezioni del Presidente Usa Donald Trump.
Il caso Cambride Analityca ne è un chiaro esempio. Non fu esattamente Facebook, nel 2016, a violare i profili dei propri utenti (si parla di 50 milioni), bensì uno sviluppatore esterno di applicazioni mobili per il social media californiano, Aleksandr Kogan, giovane ricercatore moldavo al dipartimento di psicologia dell’Università di Cambridge, con un bachelors degree a Berkley e un passato di ricerche commissionate dall’Università di Pietroburgo, a vendere sottobanco alla società di comunicazione politica Cambrige Analityca i dati di molti utenti Facebook.  

La Cambrige Analityca fu fondata da Robert Mercer (gestore multimiliardario americano di fondi finanziari, sostenitore del partito conservatore) e da Steve Bannon, uomo di comunicazione, nonché stratega della campagna elettorale di Donald Trump. Essa sviluppò, sulla base della psicosometria -il campo della psicologia che studia le caratteristiche della personalità- un sistema di microtargeting comportamentale, volto a veicolare pubblicità e notizie personalizzate (false) agli utenti Facebook, sulla base del loro comportamento abituale e delle loro emozioni. Emblematico è l’ormai noto reportage della cronista di ‘The Observerver’, Carole Cadwallar, sulla  riuscita di questa operazione di disinformazione e  del suo impatto sulla Brexit.

Non è un caso che l’Unione Europa abbia già suonato il campanello d’allarme in vista delle prossime elezioni del Parlamento europeo. La minaccia, è rappresentata dai cosidetti ‘social bot’, presenti sui social network, sotto forma di falsi profili. Veri e propri algoritmi di intelligenza artificiale in grado di interagire con gli utenti. Twitter ha ammesso, nel suo ultimo rapporto sulla trasparenza, di aver individuato, nei soli primi mesi del 2018, 232 milioni di profili fasulli.

La manipolazione del voto è la prima limitazione al funzionamento della democrazia. Rebus sic stantibus, i passaggi successivi potrebbero portare a derive autoritarie. Storicamente, le divisioni sociali e la propaganda, sono sempre stati la propulsione dei sistemi totalitari.

Tornano allora profetiche le parole scritte, poco dopo la fine della seconda guerra mondiale, dal filosofo tedesco Romano Guardini, nel suo ‘Etica’:  «la dittatura toglie al singolo il peso di dover pensare con la propria testa, di dover giudicare, decidere, rispondere del proprio destino. Questa è la grande tentazione».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore