giovedì, Ottobre 29

Election day: vince il Paese impaurito che ridimensiona la sua voce critica Il coronavirus ha gettato la sua ombra sulle consultazioni, premiando chi ha governato, non chi ha fatto opposizione

0

Metà degli italiani non ha votato al referendum. Tra chi ha votato, netta affermazione del SI, 7 a 3.
Nelle sei regioni in competizione -che partivano 3 a destra e 3 a sinistra- il Pd ha perso le Marche, ma ha spuntato le due battaglie più difficili, anche se di misura: quella della Toscana e quella della Puglia. Mantenendo il punto in Campania.
Il centro destra è Zaia a valanga con lista autonoma. E’ la Liguria che conferma la giunta Toti uscente che ha retto bene lo shock del Covid-19 e quello del ponte Morandi. Ribalta le Marche (non da poco, dopo 50 anni) con ampio margine: Acquaroli è il segnale della crescita (in generale) di Fratelli d’Italia.
C’è un filo rosso di questi risultati esposti in sintesi?
Proviamo a proporre alcuni argomenti.

  1. Il coronavirus ha gettato la sua ombra sulle consultazioni, premiando -dove possibile e appena sensato, dati i candidati in campo- chi ha governato, non chi ha fatto opposizione. Paura e fragilità non sono state la fonte di ‘cambiamenti’, ma la condizione per mantenere il punto di esperienza maturato fino a qui per tirare dritto sul percorso (che tutti vedono difficile) di portare il Paese fuori dalla crisi.

  2. Sul referendum ciò premia M5S, confermando l’onda lunga di un sentimento, pur pericoloso, contro la ‘casta’ e di ridimensionamento della politica, perché la gente durante la pandemia ha chiestopiù istituzioninonpiù politica’.

  3. Il Pd esce stretto. Certamente con incrinature (il 55% degli iscritti ha votato No). Ma si è schierato ufficialmente dalla parte del SI forse intuendo questo flusso, certo non avendo la certezza di questo esito. Soprattutto non immaginando il 7 a 3. La tenuta della Puglia e soprattutto della Toscana consente dicantar vittoriae obbliga M5S a dividere la corona. Quanto al successo di De Luca è rivendicabile, ma si sa che esso è amministrato a Salerno non a Roma.

  4. Salvini morde il freno. Farà qualche acrobazia interpretativa. Non vince. Non perde. Anche se il sud non crede più all’estemporaneomeridionalismodegli ultimi tempi (15 punti in meno in Puglia!). Anche se il Veneto permette dichiarazioni di facciata ma pone problemi di equilibri interni. Anche se il risultato negativo di misura in Toscana, se non fosse stato preceduto da spavalderie, potrebbe essere rivendicato come un successo.

  5. Forza Italia, ai margini della politica italiana, ha un’unica speranza. Affidarsi a Mara Carfagna e a un nucleo di resistenza liberale per tentare di marcare l’europeizzazione dei moderati. In qualche sintonia con l’area liberaldemocratica di centrosinistra che esce a coriandoli dagli esiti sia del referendum che delle regionali.

  1. Tuttavia l’area lib-lab (+ Europa, Azione, Italia viva) è l’anima e la colonna sonora di quel 30%, modesto in sé, ma grande per quel segmento frammentato e critico. Non vale il 30% ma lo racconta, lo interpreta, lo incarna. Se si mette in cammino, lento pede, può provare a costruire -relazionandosi di più e raccogliendo anche altri soggetti in cammino, tra cui i Verdi- un progetto italiano che oggi non c’è e che gli esiti del 21 settembre umiliano.

  2. Il Governo. E’ più forte e la posizione del premier Conte è naturalmente indicata per attutire la rivendicazioneconflittuale’ di meriti tra Pd e 5S, cercando di drenare qualcosa a vantaggio dell’Esecutivo, promuovendo magari un rimpasto per regolare conti e gestire premi e provando a blindare la poltrona dei parlamentari con la prospettiva di costituire la base decisionale per l’elezione del prossimo Capo dello Stato.

Chi ha creduto che il NO fosse una voce della ragione e un collante dello spirito critico necessario per trovare la base di negoziato interno ed europeo all’altezza delle condizioni di crisi, soprattutto la base per un risveglio della battaglia per la produzione e il lavoro, contro le assistenze, fa i conti con un Paese in cui questospiritoè minoranza. La maggioranza dei cittadini delega, prende i bonus e le camomille, spera che in cambio di questa condizione addomesticata ci si ricordi -uno per uno, famiglia per famiglia, caseggiato per caseggiato- di un’Italia che non ha fatto colpi di testa e che vuole far passare ‘a nuttata’.
De Luca, Zaia, Emiliano veglieranno -insieme a Conte e Zingaretti- su questa domanda di pannicelli caldi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Stefano Rolando, classe 1948, laureato a Milano in Scienze Politiche, è docente, manager, comunicatore. Dopo esperienze di management in aziende (Rai e Olivetti) e istituzioni (Presidenza Consiglio dei Ministri e Consiglio Regionale della Lombardia), è dal 2001 professore di ruolo (Economia e gestione delle imprese) alla facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università IULM di Milano, dove si occupa di branding e di comunicazione pubblica, politica e sociale. Dal 2005 al 2010 è stato segretario generale della Fondazione di ricerca dell’ateneo. È stato anche segretario generale della Conferenza dei presidenti delle assemblee regionali italiane e rappresentante italiano nel comitato scientifico Unesco-Bresce. Dal 2008 è presidente della Fondazione “Francesco Saverio Nitti” (www.fondazionefsnitti.it). Per sapere di più di Stefano si può consultare il sito della Università IULM al link: http://www.iulm.it/wps/wcm/connect/iulmit/iulm-it/docenti/rolando-stefano