lunedì, Gennaio 27

El Salvador e gli affari con la Cina Il Presidente Bukele intende rafforzare la connessione tra le strategie di sviluppo dei due paesi

0

Ieri, il premier cinese Li Keqiang e Li Zhanshu, presidente del Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo, hanno incontrato a Pechino il Presidente di El Salvador, Nayib Armando Bukele Ortez, in visita di Stato in Cina. Bukele è andato in Piazza Tian’anmen dove ha deposto una corona al Monumento agli Eroi del Popolo e Li Keqiang ha affermato che la Cina intende rafforzare la connessione tra le strategie di sviluppo dei due paesi. Il premier cinese, inoltre, ha detto di sperare che El Salvador possa offrire sostegno e facilitazioni alle imprese cinesi che intendono investire nel paese, con l’obiettivo di promuovere gli scambi di personale tra i due paesi e ampliare la cooperazione e gli scambi bilaterali nei vari settori, come educazione, turismo e cultura, rafforzando in questo modo il consenso popolare circa lo sviluppo delle relazioni bilaterali a lungo termine.

El Salvador sostiene fermamente la politica di ‘Una sola Cina’, intende rafforzare il dialogo e la comunicazione con la Cina, e intende offrire agevolazioni e garanzie legali alle imprese cinesi che vogliono investire nel paese. La Cina aiuterà a costruire diversi importanti progetti infrastrutturali in El Salvador, tra cui uno stadio e un impianto di trattamento delle acque, hanno detto martedì i due paesi, segnalando il ruolo crescente della Cina nella regione dopo che El Salvador ha tagliato i legami con Taiwan.

Per il presidente salvadoregno Nayib Bukele, l’investimento ha rappresentato una “cooperazione gigantesca e non rimborsabile” per la piccola nazione centroamericana. Non ha rivelato l’importo dell’investimento previsto.

In base all’accordo, la Cina contribuirà a costruire un grande stadio sportivo, una biblioteca a più piani e un impianto di trattamento delle acque. La Cina, la seconda economia più grande del mondo, assisterà anche i siti turistici costieri, tra cui la costruzione di strade, parchi e un sistema idrico lungo le spiagge conosciute come Surf City, e ristoranti e negozi sul molo di Puerto de la Libertad. Come sostiene il ‘Global Times’, Xi e Bukele hanno assistito alla firma di documenti di cooperazione riguardanti economia, tecnologia, turismo, sport e agricoltura, ha dichiarato il direttore generale Zhao Bentang del Dipartimento cinese per gli affari dell’America Latina e dei Caraibi, il Ministero degli Esteri cinese dopo l’incontro dei due leader. L’agenzia di stampa Xinhua ha riferito che Xi ha dichiarato durante l’incontro con Bukele che la Cina è disposta a importare prodotti agricoli di alta qualità da El Salvador, tra cui zucchero e caffè. El Salvador ha risposto mostrando la sua disponibilità a partecipare attivamente al progetto delle Vie della Seta proposto dalla Cina. A causa dei legami diplomatici formali del paese con la Repubblica popolare cinese, gli Stati Uniti hanno espresso pesanti critiche e persino una volta richiamato il loro ambasciatore dal paese.

I progetti offrono ancora il segnale più forte dell’abbraccio di El Salvador di stretti rapporti con la Cina. El Salvador «aderisce al principio di una Cina, rifiuta categoricamente qualsiasi atto contrario a questo principio e qualsiasi forma di ‘indipendenza di Taiwan‘», hanno affermato El Salvador e la Cina in una dichiarazione congiunta. El Salvador ha interrotto le relazioni diplomatiche con Taiwan nell’agosto dello scorso anno, a seguito della Repubblica Dominicana e di Panama nel passaggio dalla Cina alla Cina.

Molto lontano sembra lappoggio che Bukele aveva ricevuto al momento della sua elezione dagli Stati Uniti tramite il Consigliere per la sicurezza, John Bolton, che aveva rilasciato questo messaggio: «Congratulazioni al nuovo Presidente eletto di El Salvador Nayib Bukele. Gli Stati Uniti saranno disposti a collaborare con il prossimo Governo per far progredire la prosperità e la democrazia nella regione». Sostegno statunitense che arrivava anche dal portavoce del Dipartimento di Stato americano, Robert Palladino, che aveva rilasciato un comunicato ufficiale nel quale si toccano tematiche importanti. «Salutiamo il popolo salvadoregno per il suo impegno per la democrazia», scriveva Palladino, «è nel nostro interesse comune ridurre limmigrazione clandestina e combattere la criminalità transnazionale promuovendo la crescita economica, il buon governo e la sicurezza».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore