venerdì, Ottobre 2

Ecuador: la controrivoluzione che non ti aspetti Il 4 febbraio il referendum che potrebbe decidere la non ricandidabilità di Correa e di fatto annullare la Revolución Ciudadana e seppellire il correismo

0

Lo scorso aprile, in Ecuador aveva trionfato ancora una volta la ‘Revolución Ciudadana’, portata avanti con forza da Rafael Correa e dal suo movimento politico Alianza País. O almeno questo si pensava, considerata la vittoria alle presidenziali di Lenin Moreno, candidato di Correa, Lenin avrebbe dovuto portare avanti il ‘Socialismo del siglo XXI’. Poche settimane dopo si è capito che così non è stato.

Il neo Presidente Moreno ha subito preso le distanze da Rafael Correa e ha intrapreso una inattesa operazione politica che gli ha permesso prendere ilcontrollo’ di Alianza País, partito fondato proprio da Correa, e con esso almeno una quarantina di deputati che gli consentono di avere una maggioranza all’interno del Parlamento che fa riferimento a lui direttamente.

Una pugnalata ancora più dolorosa se si considera l’arresto e relativa destituzione del vice Presidente Jorge Glas, braccio destro di Rafael Correa, che doveva contribuire a dare spazio alla ‘presenza’ di Correa dentro l’Esecutivo.

Insomma, sulcorreismo’ si è abbattuta una caccia alle streghe che ha subito fatto pensare alla fine dei correismo e che quella in atto di fatto sia unacontrorivoluzioneche ha come obiettivo quello di restituire il Paese ai vecchi gruppi di potere – banche comprese – che da anni giurano vendetta a Correa.

Il 4 febbraio il Paese è chiamato alle urne per un referendum che sembra rappresentare l’ultima fase di un piano che punta alla capitolazione definitiva di Correa e dei suoi sostenitori. Tra le 7 domande del referendum ce ne sono almeno due che vanno in questa direzione. All’inizio dello scorso ottobre, il Presidente Lenin Moreno aveva promesso che avrebbe lavorato per modificare la Costituzione per impedire una rielezione presidenziale illimitata attraverso un referendum. Promessa mantenuta. Il quesito referendario numero 2 se fosse approvato impedirebbe a Correa di essere rieletto Presidente, e il numero 3, che, invece,  pretende smantellare un organo dello Stato chiamatoConsejo de participación Ciudadana’, per poi reintegrarlo con membri proposti da Moreno. La strutturazione di questo nuovo Consejo sarebbe  un durissimo colpo per Correa, perché avrebbe la facoltà di destituire numerose cariche pubbliche tra cui, soprattutto, quelle che continuano a fare riferimento, almeno per ora, l‘ex Presidente Correa.

Per capire meglio la situazione politica del Paese e le possibili conseguenze del referendum, sia nel caso in cui prevalesse il ‘SI’ che in quello in cui  prevalesse il ‘NO’, abbiamo intervistato Andrés Páez, a fianco di Guillermo Lasso -candidato alla presidenza contro Moreno- nel corso delle ultime elezioni, e sostenitore delSI‘;  e Doris Solis, ‘irriducibile’ di Rafael Correa, rappresentante di altissimo livello di Alianza País, e sostenitrice delNO’ all’ormai vicinissimo referendum.

Secondo Páez,  Correa “ha lasciato un Paese allo sbaraglio, con fortissime divisioni interne e soprattutto ha seminato odio tra gli ecuadoriani. Correa non è stato capace di approfittare della migliore congiuntura economica di tutti i tempi ed ha favorito la corruzione, come mai in precedenza, in tutto il Paese”. Tutte le opere realizzate, secondo Páez, non sono state altro che il pretesto per compiere delle vere e proprie razzie ai danni dello Stato.

Correa, invece di approfittarsi del prezzo record del petrolio per far crescere il Paese, “ha favorito una rete di corruzione di cui lui era a conoscenza e di cui facevano parte l’ex vice Presidente Jorge Gals ma anche Ministri e tantissimi funzionari del suo Governo”. Corruzione, a dir il vero, che Páez ha sempre denunciato arrivando persino a fare il nome dello zio di Jorge Glas, molto tempo prima che la giustizia gli desse ragione e lo arrestasse.

Secondo Páez, uno dei problemi che purtroppo frenano il lavoro dei giudici e impediscono che arrivino fino in fondo è l’atteggiamento dell’attuale Procuratore Generale della Repubblica che non è all’altezza e, anzi, protegge e tutela Correa da eventuali coinvolgimenti.

Quello di Moreno è un Governo che senz’altro ha cambiato stile, ma più nella forma che nella sostanza, e da ciò non può che venirne fuori un Governo insipido e con poca iniziativa che ha fatto poco durante i suoi 7 mesi al potere”, prosegue Páez.

Il Paese aveva ed ha bisogno di scelte coraggiose e di misure decise che rimettano in moto l’economia. Invece “ci ritroviamo con più tasse, debiti e problemi economici che al massimo fra due mesi porteranno il Paese in sala rianimazione. Tuttavia al referendum bisogna votare ‘Si’ e annientare il correismo e tutto ciò che rappresenta”.

Votare per ilSI‘, sempre secondo Páez, non significa schierarsi dalla parte di Moreno, o nutrirne una fiducia incondizionata, ma servirebbe piuttosto a fare in modo che il Paese possa cambiare.

Páez conclude avvertendo che non bisogna cantare vittoria troppo presto e che si stia sottovalutando Correa e la sua capacità di fare campagna elettorale. “Non bisogna dimenticare, che Correa è capace come pochi di sapere trasmettere emozioni alla gente, e questo potrebbe influire sul voto”. Il correismo, conclude Páez, “è come un camaleonte; nessuno lo vede, eppure è sempre li mimetizzato e pronto a colpire”.

Visualizzando 1 di 2
Visualizzando 1 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore