martedì, Marzo 26

E se la ricchezza non fosse un male? La globalizzazione ha creato disagi nel mondo industrializzato, colpendo il ceto medio, ma la soluzione non è la caccia alle streghe nei confronti dei super-ricchi

0

Il 22 gennaio scorso, contemporaneamente all’apertura del Forum Di Davos, è uscito il rapporto Oxfam, sulla diseguaglianza globale in tema di ricchezzaL’Oxford Commitee for Famine Relief (Oxfam), nasce in Inghilterra nel 1942 e riunisce le Ong che che studiano e si impegnano, per la ridurre la povertà nel mondo.

I dati sono già noti. Il rapporto, su fonti Forbes e Credit Suisse, ci dice che l’1% più ricco del pianeta possiede il 47,2% della ricchezza aggregata netta totale e che 26 super miliardari, possiedono una ricchezza equivalente allo 0,4% della torta, pari a quella della metà più povera del pianeta. L’aumento di ricchezza dei Paesi poveri, sembra, invece, rallentare.  

Lo studio, si sofferma anche sull’imposizione fiscale a carico dei percettori di redditi più alti, che è diminuita nell’ultimo decennio. Il rapporto cita fonti autorevoli. L’impressione, però, è che sia solo dal sapore politico e non dica tutta la verità. Vengono evidenziati i contrasti: l’1% del patrimonio di Jeff Bezos (112 miliardi di dollari), corrisponde al budget sanitario dell’Etiopia, ma non viene spiegata dove sia concentrata questa ricchezza a livello globale e come sia stata prodotta.

Soprattutto, lo studio fa credere che questa ricchezza esclusiva, sia cresciuta spropositatamente solo a causa dell’avidità capitalistica e dell’ortodossia neo-liberista, che agevola la riduzione delle aliquote fiscali sui patrimoni e i redditi più alti.

Il fatto che la ricchezza continui a concentrarsi nelle mani di pochi, non è una notizia. Certo, queste percentuali, fanno alzare le palpebre.
Ma se guardiamo indietro nella storia, la situazione non era dissimile, anzi, peggiore. In un contesto simile al nostro, in epoca vittoriana, nel florido impero coloniale inglese, la città di Londra, oggi influente centro finanziario, non conosceva ancora un sistema fognario e la mortalità infantile era alle stelle. La rapida industrializzazione aveva si, creato posti di lavoro, ma aveva anche indotto un calo dei salari per via della massiccia immigrazione irlandese. Le diseguaglianze sociali erano evidenti. L’aristocrazia manteneva i propri privilegi, la borghesia industriale e commerciale si arricchiva e gli operai vivevano al limite della sussistenza. Il resto del mondo non industrializzato, poi, era fuori dalle statistiche, e sicuramente, sotto quella che consideriamo oggi, la soglia di povertà. Insomma, nulla di nuovo sotto il sole.

A parte questo flashback, sarebbe quindi interessante, fuori dai luoghi comuni,  sapere dove sia stata prodotta questa ricchezza e come. Il ‘Billionaires’ Report’ presentato da Ubs e PricewaterhouseCoopers, nel 2018, rivela effettivamente che nel 2017 la ricchezza dei miliardari del mondo è aumentata del 19%, l’incremento più alto mai registrato, facendo toccare la cifra di 8900 miliardi di dollari.

L’incremento maggiore di ricchezza dei miliardari si è avuto, però, in Asia (+32%), contro il 12% degli Usa e il 4% dell’Europa.
La Cina produce due nuovi ‘Paperoni’ ogni settimana. Per il secondo anno, il numero dei miliardari asiatici (814) ha superato quelli nord americani (631). Quelli cinesi, sono passati da 16 (nel 2006) a 475 (nel 2017). Il loro patrimonio complessivo ammonta a 1112 milardi di dollari, pari a un quinto della ricchezza globale. Tanto per citarne uno, Jack Ma, patron di Alibaba, ha un patrimonio di 42 miliardi, contro quello di Steve Jobs, che ammontava a soli 16,7.
Certo, gli Stati uniti continuano ad avere il podio della maggior consistenza di ricchezza (5142 miliardi), ma in Asia li stanno raggiungendo al galoppo.

Questa immensa produzione di benessere ha un minimo comune denominatore: l’Information Technology.
La rivoluzione tecnologica in atto, assieme a quella della robotica, è pari a quella dell’invenzione della stampa. Una ‘quarta rivoluzione industrialeche sta cambiando le nostre vite, connettendo il mondo e mandando al macero archivi e cavi. Se non ci rendiamo conto di questi numeri e del fatturato che c’è dietro a queste aziende, vedremo questi dati, come dei marziani.
Degli attuali miliardari, il 70% è legato all’industria tecnologica e Shenzhen compete quasi, agli stessi livelli della Silicon Valley.  

Un altro punto è la tassazione. Il rapporto dichiara che sia diminuita nei confronti dei super ricchi e delle corporations. Vero, ma solo in parte. Lo si è fatto soprattutto nei confronti delle imprese e in alcuni Paesi. L’alternativa però,   sarebbero stati gli attuali 250 ‘Paradisi Fiscali’, che gestiscono globalmente un giro d’affari di 1800 miliardi di dollari e che non attendono altro che l’arrivo di nuovi capitali. 

L’ultimo fatto che il rapporto omette di dire e , malgrado questa concentrazione, la ricchezza globale sia aumentata. Che i vaccini abbiano fatto crollare la mortalità infantile e che  la così ‘odiata’ globalizzazione abbia dato la possibilità a centinaia di milioni di persone, soprattutto nei Paesi poveri, di vivere una vita migliore. Molto deve essere ancora fatto, ma la scolarizzazione e l’accesso ai servizi sanitari sono in continuo aumento.

E’ vero che la globalizzazione e il suo inevitabile processo di veloce ammodernamento ha creato, parallelamente, maggiori disagi nel mondo industrializzato, colpendo il ceto medio, i commercianti, gli imprenditori e gli  impiegati del manifatturiero. Ma la soluzione non è la caccia alle streghe nei confronti dei super-ricchi.

Nell’epoca in cui viviamo, dove i capitali si spostano da una parte all’altra del pianeta in meno di un minuto, gridare all’iper-tassazione è come impaurire uno stormo di uccelli nelle fronde. Forse, la soluzione potrebbe essere quella di favorire, si, una tassazione equa, ma in modo che i capitali vengano, in parte, reinvestiti nel Paese in cui sono prodotti. Poiché ricchezza, produce altra ricchezza.  

La soluzione per redistribuirla, potrebbe, poi, essere quella di renderla etica, più umana, facendo in modo che le banche, le aziende e le grandi rendite, contribuiscano, tramite finanziamenti, all’iniziativa privata, imprenditoriale e sociale. Forse, dovrebbe esistere una società più etica, oltre che uno Stato etico.   

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore