martedì, Ottobre 27

Donald Trump, cosa aspettarsi dal viaggio in Asia? La tournée durerà ben 12 giorni, da oggi al 14 novembre. Giappone, Corea del Sud, Cina, Vietnam e Filippine saranno le tappe del presidente

0

Un presidente in netto calo in patria ma non solo. Donald Trump si appresta a incontrare una serie di leader in Asia, facendo così il suo debutto in una delle regioni più dinamiche, ma anche più instabili nel mondo.

La tournée di Trump durerà ben 12 giorni, da oggi al 14 novembre. Giappone, Corea del Sud, Cina, Vietnam e Filippine saranno le tappe del presidente. Sicuramente non avrà problemi ad intendersi con Shinzo Abe ma qualche problema potrebbe esserci con il presidente sudcoreano Moon Jae-in. Per non parlare poi con Xi Jinping, che ormai porta avanti una sfida all’egemonia americana, e il filippino Rodrigo Duterte.

Il viaggio di Trump, ha comunicato ufficialmente la Casa bianca, «sottolineerà il suo impegno nelle partnership e nelle alleanze di lunga durata degli Stati uniti, ribadendo la leadership degli Stati uniti nel promuovere una regione dell’Indo-Pacifico libera e aperta». Trump dunque ha bisogno di spiegare che l’America intende continuare a mantenere i piedi in Asia e che, quando evocava un disimpegno americano nella regione, era in campagna elettorale. E lo farà precisamente il  10 novembre, quando sarà a Danang in Vietnam, per partecipare alla riunione Leader economici della Cooperazione Asia Pacifico dove terrà un discorso nel quale espliciterà «la visione degli Stati uniti per una regione Indo-Pacifica libera e aperta, sottolineando il ruolo importante che la regione ha per la prosperità economica dell’America».

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.