mercoledì, Agosto 21

Dilma: dall'infanzia alla presidenza La storia di una donna fino all'impeachment e alle gravi accuse di violazione della legge fiscale

0

Dilma Rousseff, presidente del Brasile, è oggi nell’occhio del ciclone per eccesso di spesa pubblica e per aver violato la legge di responsabilità fiscale, accuse che la stanno portando all’impeachment.

Rousseff è nata a Belo Horizonte, cittadina nel nord del Brasile, il 14 dicembre, 1947. E’ figlia di Dilma Jane Silva Coimbra e del bulgaro Pedro Rousseff, avvocato e affermato uomo d’affari, un membro attivo del movimento comunista bulgaro, che inizialmente ha dovuto emigrare in Francia, per motivi politici, nel 1929, dove ha vissuto fino all’inizio della Seconda Guerra Mondiale. Dopo essersi sposata, Roussef si trasferì prima in Argentina e successivamente in Brasile. Durante la sua carriera scolastica, Dilma ha frequentato per lo più scuole private cattoliche. A seguito della sua adesione, prima al COLINA (Comando de Libertação Nacional), e poi al VAR-Palmeres, Dilma venne arrestata e torturata per più di venti giorni. Alla fine del 1970 si sposò con un altro membro del movimento di guerriglia, Carlos Franklin Paixão de Araújo, dal quale ha avuto la sua unica figlia Paula che nel 1977 si laureò presso la Facoltà di Economia l’Università federale di Rio Grande do Sul. Privata dei suoi diritti politici, a causa dell’arresto per diciotto anni, Dilma iniziò la sua carriera politica negli anni 80’ assieme al marito, all’interno del Partito Laburista (PDT), per poi avvicinarsi ed entrare nel Partito dei Lavoratori (PT), e raggiunse le luci della ribalta mediatica grazie alla nomina a Ministro per le Miniere e per l’Energia, per lo Stato del Rio Grande do Sul. Partecipò alla campagna elettorale per l’elezione di Inacio Lula da Silva alla presidenza della Repubblica del 2002, e da Lula fu nominata Ministro della Casa civil. Dal 2010, sostenuta dall’ormai ex Presidente Lula, vinse le elezioni presidenziali in Brasile, e nel 2014 riconfermò la sua carica battendo lo sfidante Aeciò Neves.

(Tratta dal canale Youtube: Dilma na Web)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore