giovedì, Gennaio 23

Danimarca: una notte alla Lego House Una famiglia scozzese vince un concorso sponsorizzato da Airbnb e si aggiudica il breve soggiorno

0

Per trascorrere una notte alla Lego House, inaugurata lo scorso 28 Settembre, una famiglia scozzese, dopo aver vinto un concorso sponsorizzato da AIRBNB, si è recata in Danimarca, a BillundLa domanda a cui i concorrenti erano chiamati a rispondere per vincere era: “cosa fareste se aveste a disposizione un numero illimitato di mattoncini Lego?” La famiglia è stata accolta da Jamie Berard, uno dei più noti creatori al mondo ed ha potuto seguire una sorta di ‘programma’ per imparare a creare con i lego. Ha potuto consumare un pranzo e visitare, ad esempio, l’Albero della Creatività, costruito con oltre 6 milioni di mattoncini, e la Galleria dei Capolavori.

«Sono davvero incuriosito di vedere cosa si crea scatenando l’immaginazione  Avere a disposizione un numero illimitato di mattoncini, per molti aspetti può essere impegnativo, ma libera la fantasia dando vita a qualcosa di veramente significativo ed espressivo. Soggiornare nella Lego House è un’occasione unica per dare sfogo alla propria espressività. È così che mi sento quando quando vengo qui».  Queste le parole di Jamie Berard, il Senior Designer del Gruppo Lego.

Il momento centrale dell’ avventura è stata la nottata in una camera da letto costituita da materassi galleggianti su una vasca di mattoncini e sotto una cascata di Lego di sei metri. Ma dalla tv alle sedie, comprese sveglie, tutto era fatto di lego. L’ intera abitazione conta ben 25 milioni di mattoncini.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore