mercoledì, Ottobre 28

Dalla Siria alla Libia, la Turchia sta ricattando l’Occidente con migranti e terroristi Erdogan sta minacciando l'Europa per le tensioni che si stanno sviluppando in Libia. Ecco che succede e come i foreign fighters della Turchia starebbero entrando in Europa

0

Erdogan sta minacciando l’Europa per le tensioni che si stanno sviluppando in Libiadove l’Esercito Nazionale Libico, appoggiato dalla Russia, guidato dal generale Khalifa Haftarsta combattendo contro il Governo di Accordo Nazionale sostenuto dalla Turchia, guidato da Fayez Al-Sarraj«L’Europa dovrà affrontare nuovi problemi e minacce se il Governo di Al-Sarraj verrà rovesciato», ha già affermato il Presidente turco, Recep Tayyip Erdogan«L’Unione europea deve dimostrare al mondo che è un attore importante nell’arena internazionale». Lo scorso dicembre la Turchia ha annunciato l’invio di truppe e consiglieri in Libiain evidente violazione dell’embargo da e verso la Libia, sancito dalle Risoluzioni delle Nazioni Unite.

Rapporti sul campo hanno anche rivelato che centinaia di combattenti pro-turchi in Siria, compresi minori, sono stati inviati in Libia per sostenere le milizie che combattono per il governo di Al-Sarraj. La destinazione finale per questi combattenti sarebbe l’Europa.
Alcuni di questi mercenari, infatti, poco dopo essere arrivati in Libia, hanno disertato e sono saliti a bordo dei barconi di migranti diretti in Europa. Molti di loro sono stati reclutati per combattere in Libia per 2.000 dollari al mese, aggiungendo che l’Esercito turco ha ricattato loro e le loro famiglie, dandogli un ultimatum: combattere in Libia o sarebbero ritornati in Siria, dove sarebbero stati arrestati o uccisi dalle forze governative di Bashar al-Assad, che gli davano la caccia e da cui erano fuggiti. Ancora una volta, le politiche di Erdogan giocano con la vita delle persone.

In Siria, Erdogan ha trasformato Idlib in una roccaforte dei terroristi, controllata dal suo Esercito, con il pretesto di affrontare i curdi. Più volte, Mosca ha esortato la Turchia a smettere di ’sostenere i terroristi’ in Siria, affermando che gli aerei russi avevano effettuato attacchi aerei contro gruppi armati appoggiati da Ankara. «Esortiamo la parte turca, al fine di evitare incidenti, a cessare il sostegno alle azioni dei terroristi consegnandogli le armi», ha detto il Ministero della Difesa russo, in una dichiarazione, lo scorso febbraio. La Russia, che supporta il Presidente siriano, Bashar al-Assad, ha accusato la Turchia di aiutare i combattenti dell’opposizione contro le forze governative nella provincia nord-occidentale di Idlib, usando l’artiglieria mentre l’opposizione effettuava un attacco.

Mosca ha affermato che su richiesta della Siria i suoi bombardieri hanno effettuato attacchi contro «formazioni armate terroristiche», permettendo alle forze siriane di respingere l’attacco. Erdogan, attraverso i suoi combattenti siriani e gli imam affiliati alla Fratellanza Musulmana, sta facendo il lavaggio del cervello agli europei con idee estremiste, trasformandoli in combattenti per i gruppi terroristici in Siria. A partire dall’inizio del 2019questi foreign fighters stanno tornando in Europa per lavorare come associati sotto copertura per il regime di Ankara. Almeno due persone sono state arrestate dalla Polizia europea negli ultimi mesi.

Ma non è tutto. Ankara minaccia anche di aprire i suoi confini, affinché gli immigrati possano inondare l’Europa. Nel 2016 l’UE e la Turchia hanno raggiunto un accordo, per cui la Turchia ha ricevuto miliardi di euro affinché prevenisse che rifugiati e richiedenti asilo entrassero in Europa. Tuttavia, quando il regime siriano iniziò la sua offensiva su Idlib, che ospita molti combattenti jihadisti sostenuti da Ankara, la Turchia si arrabbiò, e decise di aprire il suo confine, per consentire ai rifugiati di fuggire in Grecia, in modo da spingere l’UE a fare pressione sulla Siria e il suo sostenitore russo per fermare l’offensiva. Ankara ha incoraggiato apertamente i rifugiati a varcare il confine, persino pubblicando le rotte in arabo, il che ha portato circa 900.000 rifugiati ad attraversare l’Europa solamente tra gennaio e febbraio di quest’anno.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore