mercoledì, Ottobre 28

Dal condizionatore alle fasce orarie: controllare i consumi per spendere meno Ecco cinque consigli per limitare gli sprechi ed evitare degli incrementi spropositati in bolletta anche in un periodo impegnativo come quello estivo

0

Con l’arrivo della bella stagione le temperature aumentano e anche stare dentro casa, spesso, diventa faticoso. Proprio in questo periodo, infatti, vengono utilizzati moltissimi elettrodomestici volti ad abbassare le temperature degli ambienti casalinghi per poter vivere più serenamente all’interno della propria abitazione. Il risultato però è spesso un aumento considerevole all’interno della bolletta di luce e gas: vediamo quindi insieme qualche consiglio su come limitare gli sprechi ed evitare degli incrementi spropositati in bolletta.

Usare bene il condizionatore

La prima fonte di consumo dell’energia in questo periodo è sicuramente il condizionatore, di cui molti non riescono a fare a meno. Utilizzarlo non è sbagliato, ma è bene non esagerare e prestare qualche accortezza in più, ad esempio scegliendo il programma dedicato alla deumidificazione dei locali e abbinandolo a un ventilatore. Senza contare che è molto importante fare attenzione alla scelta stessa del prodotto, dato che i più moderni e tecnologici ovviamente permettono un maggiore risparmio di energia. Ultimo consiglio in questo caso è quello di utilizzarlo solo se necessario e cercare di sostituirlo con metodi più tradizionali, come abbassare le serrande così da non permettere alla luce del sole di entrare.

Attenzione al frigorifero

Non esageriamo con l’abbassamento della temperatura del frigorifero, la quale può oscillare tra l’1° e 4° C. Ricordatevi infatti che i consumi salgono del 5% per ogni grado al di sotto di questa soglia. Notare un incremento delle spese a causa del frigorifero è normale, in quanto deve mantenere una temperatura interna più fredda cercando di contrastare quella della casa, ma gli sprechi possono essere evitati sbrinando il freezer periodicamente e spegnendolo quando si va in ferie.

Sfruttare al meglio le fasce orarie

Sono moltissime le famiglie che purtroppo non sfruttano a pieno le fasce orarie, permettendo quindi sprechi non necessari. La maggior parte delle tariffe scelte dalle famiglie italiane sono a fascia bioraria, e spostando quindi i consumi nelle ore più vantaggiose si potrà subito notare un notevole risparmio. Quindi, è molto importante informarsi per bene in merito, magari leggendo qualche guida online come quella relativa alle fasce orarie Wekiwi per capire come funzionano e sfruttarle al meglio. Dopo essersi fatti un’idea generale sarà molto più semplice organizzare gli orari in cui accedere gli elettrodomestici, in particolar modo quelli più energivori.

Attenzione agli infissi

Passiamo ora agli infissi, che spesso costituiscono un problema all’interno delle abitazioni che non sono state ristrutturate di recente. Tra le tante cose cui prestare attenzione, quindi, è bene controllare che non vi siano spifferi che lasciano passare il caldo in estate e il freddo in inverno. In questo periodo, poi, è anche possibile pensare di coibentare la propria abitazione senza spendere troppo e sfruttando magari il bonusristrutturazione, che prevede uno sgravio che può arrivare fino al 110% per chi desidera fare lavori nella propria abitazione. Aiuti come questo, permettono quindi di affrontare con maggior serenità interventi che normalmente avrebbero previsto costi ben maggiori.

Lavatrice e lavastoviglie con i programmi eco

Se avete degli elettrodomestici piuttosto recenti avrete sicuramente notato che vi è la possibilità di scegliere il programmaeco’, il quale permette un notevole risparmio dell’energia elettrica. Se invece state valutando l’idea di un nuovo acquisto, considerate il salto a una classe superiore, come A+ e successive. Altro piccolo accorgimento è quello di effettuare programmi brevi, senza prelavaggi o asciugature.

Ecco quindi 5 consigli che permetteranno di risparmiare sulla bolletta anche in un periodo impegnativo come quello estivo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore