martedì, Agosto 4

Dal CES di Las Vegas, il primo crossover elettrico della cinese Byton Numerosi i sensori che rendono possibile la guida autonoma. Il suo motore elettrico da 272 CV assicura 400 km di percorrenza garantita.

0

Byton, marchio di proprietà della cinese Future Mobility Corporation, ha presentato, al Consumer Electronic Show (CES) di Las Vegas, aperto fino al 12 gennaio, il suo primo crossover elettrico che misura 4,85 metri di lunghezza, 1,94 di larghezza e 1,65 di altezza. Il Suv, che dovrebbe debuttare in Cina entro la fine del 2019 e in Europa nel 2020, inaugurerà la guida autonoma di livello 3, ma non si fermerà a questo livello.

Secondo l’ amministratore delegato Carsten Breitfeld si tratta di un soggiorno all’ insegna del lusso nel quale regna un enorme display da 1,25 metri di larghezza e 25 centimetri di altezza e in cui si trovano quattro poltrone, due delle quali, le due anteriori, saranno per la prima volta rotanti. Assenti sia gli specchietti retrovisori che le maniglie: al loro posto, telecamere che, riconoscendo il volto dei passeggeri, aprono le serrature delle portiere. Ci sono poi il controllo vocale Alexa e i comandi gestuali. 

La Byton Concept dispone di un ripetitore internet  5G e di tutta una serie di sensori, radar e telecamere che rendono possibile la guida autonoma. Il motore elettrico da 272 CV assicura 400 km di percorrenza garantita. A questi si aggiungono altri 240 chilometri, dopo 20 minuti di ricarica.  Sofisticato il sistema di luci a LED che ricoprono tutta la mascherina frontale.

(Video tratto dal canale Youtube BBC News)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore