martedì, Agosto 4

Cyntoia Brown, Hollywood si attiva per la liberazione 29 anni, condannata all'ergastolo per aver ucciso l'uomo che, quando aveva solo 16 anni, l'aveva prima drogata e poi trasformata nel suo gioco sessuale

0

In 100mila hanno firmato una petizione che chiede la sua scarcerazione. Parliamo di Cyntoia Brown, 29 anni, cittadina del Tennessee, condannata all’ergastolo per aver ucciso l’uomo che, quando aveva solo 16 anni, l’aveva prima drogata e poi trasformata nel suo gioco sessuale. Ora la sua storia è tornata di pubblico dominio e tante personalità di Hollywood, da Kim Kardashian a Rihanna, sono passate all’azione per vederla libera.

Era il 2004 quando Cyntoia Brown, adolescente cresciuta in una famiglia segnata dagli abusi sessuali, fu ingaggiata per fare sesso con Johnny Mitchell Allen, 43enne agente immobiliare di Nashville. Arrestata poco dopo l’omicidio, è stata subito incarcerata e da dietro la sbarre non si è data per vinta. Ha studiato, si è laureata, poi l’ergastolo. Ma ora tanti vip la vogliono fuori dal carcere, proprio per i suoi trascorsi.

«Il sistema ha fallito», ha postato su Twitter Kim Kardashian il 21 novembre. «Spezza il cuore vedere una ragazza vittima del traffico del sesso che ha avuto il coraggio di reagire in carcere a vita! Dobbiamo fare meglio e fare ciò che è giusto». Poi l’hashtag #FreeCyntoiaBrown, che è stato poi preso anche dalle altre colleghe.

 

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.