mercoledì, Novembre 25

Cynthia Nixon, l’attrice pronta a scendere in politica In un video la sua candidatura: 'Siamo stanchi di politici che si preoccupano di titoli e potere, ma non di noi'

0

Da Sex & the City alla corsa per la poltrona di governatore dello stato di New York. Cynthia Nixon, protagonista della fortunata serie tv, si prepara a lanciare la sfida nelle primarie democratiche al governatore Andrew Cuomo.

«New York è la mia casa – ha detto in un video di presentazione la Nixon -. Non ho mai vissuto altrove. Quando sono cresciuta qui, eravamo solo mia madre e io in una casa con una sola stanza da letto, al quinto piano. New York è il posto dove sono stata cresciuta e dove cresco i miei figli. Ho avuto chance che non vedo per la maggior parte dei bambini di New York».

«I nostri leader ci stanno deludendo, siamo lo stato con le più marcate diseguaglianze nell’intero Paese, con ricchezza incredibile e povertà estrema. Metà dei bambini nelle città del nord vivono al di sotto della soglia di povertà. Come è potuto accadere?», ci chiede Cynthia Nixon, che poi attacca: «Siamo stanchi di politici che si preoccupano di titoli e potere, ma non di noi».

A complicare la corsa della Nixon potrebbe esserci il fatto che la Human Rights Campaign, organizzazione per i diritti dei gay, ha annunciato il suo sostegno a Cuomo. È stato proprio grazie al governatore che lo stato di New York ha legalizzato i matrimoni omosessuali, permettendo tra l’altro a Cynthia Nixon di sposare nel 2012 la compagna Christine

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore