venerdì, Dicembre 13

Creare una melodia coi 'battiti' delle stelle: è possibile

0

Alcuni scienziati del National Astronomical Observatory of China (NOAC), in Cina, hanno rilevato i battiti emessi da due stelle scoperte di recente, a miliardi di chilometri dalla Terra, per utilizzarli nella realizzazione di una musica funky. Si tratta di una gamma di suoni unici raccolti in una clip accattivante, di 38 secondi, che è stata condivisa on-line dal South China Morning Post. Entrambe le stelle sono a circa 16,7 mila anni luce di distanza dalla Terra.

La scelta dei ricercatori, di condividere la clip, poggia sul desiderio di incoraggiare l’interesse del pubblico a conoscere le stelle, in particolare, le cosiddette ‘pulsar‘.

Le pulsar sono stelle morenti che ruotano e creano un potente fascio di radiazione elettromagnetica. Questa emissione elettromagnetica è stata convertita dai ricercatori in onde sonore, in modo che possano essere sentite dall’orecchio umano. Queste onde sono state, poi, utilizzate per creare la parte principale della musica, impostata in do maggiore, insieme a percussioni e tamburi.

Le pulsar sono stelle molto rare: la scoperta dei ricercatori cinesi ha mostrato che la Cina ha sviluppato software competenti e una tecnologia efficiente e all’avanguardia, in grado di rilevare i segnali che sono passati inosservati negli studi precedenti.

La rotazione delle travi pulsar è stata utilizzata dagli astronomi anche per studiare la piegatura dello spazio-tempo, le onde gravitazionali e la mappatura delle galassie.

(Video tratto dal canale Youtube: interesting on the planet)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore