domenica, Giugno 7

Covid-19, quanti danni al gioco fisico: una soluzione per il mondo delle scommesse Occorrerà studiare nuove soluzioni per il gioco delle scommesse, per ridurre i danni che il gioco fisico continuerà a subire

0

Più di un problema sta creando l’emergenza Covid-19 a più tessuti dell’economia italiana, ivi compreso il gioco d’azzardo, probabilmente il settore finora più colpito soprattutto nell’ambito del retail. Pare necessario quindi ricorrere a nuove strategie per rilanciare le agenzie di scommesse.

Non è dato sapere quanto tempo ancora durerà la pandemia, al netto di statistiche e modelli che tentano di spiegarne flussi e oscillazioni. Finora, però, queste statistiche, intese come rielaborazioni matematiche astratte applicate a contesti reali, dicono più di una cosa. Un po’ come quelle utilizzate, appunto, nel campo delle scommesse. Ovviamente il campione preso da base è ampio e variabile per cui i risultati possono essere anche limitati, se rapportati ad un tempo e ad un numero di casi fissi. Quello del nuovo virus è poi un sistema aperto, nel senso che è tanto più variabile quanto il virus è diffuso nel mondo.

Dalle ultime statistiche elaborate, sembrerebbe che il virus si comporti diversamente anche in luoghi differenti, dove magari le temperature e il tasso di umidità sono maggiori. Di questi passi, qualora le tesi fossero confermate, da Settembre potrebbe invertirsi la rotta, con uno scoppio di virus in Africa, in Sudamerica e in Australia, per poi sobbalzare di nuovo dalle nostre parti. Si è da tempo capito che l’epidemia difficilmente si fermerà entro l’estate e sarà probabilmente un nemico con cui continuare a combattere. In attesa di una cura valida ed efficiente, tra dodici e, si spera di no, diciotto mesi.

Proprio per questo i Governi del mondo occidentale stanno studiando apposite app per il monitoraggio degli spostamenti della popolazione, tramite smartphone, sul modello elaborato e protocollato da una Corea del Sud capace di limitare e circondare il virus. Si studia anche sulle cosiddette patenti di immunità, basate sulla presenza di anticorpi nel sangue.  Ma in tutto ciò, oltre ai danni già fatti e noti a tutti, su tutto il calo di guadagni e la crisi conseguente del settore fisico, quale sarà l’impatto a lungo termine su altre filiere del settore dell’azzardo, come le scommesse?

Come preannunciato dal Governo, i luoghi che maggiormente, in prima istanza, saranno penalizzati i luoghi in cui è facile creare assembramenti e non rispettare le distanze di un metro. C’entrano, in questo novero, anche sale scommesse, da gioco, bingo che, oltre ai danni già noti, subiranno ulteriori diminuzioni di clientela. Una prospettiva, questa, molto concreta che non va sottovalutata. Occorrerà, a questo punto, studiare nuove soluzioni per ridurre i danni che il gioco fisico continuerà a subire. Puntare, dunque, all’online e al retail sarà quasi sicuramente una esigenza, per ridurre gli afflussi ed evitare ulteriori grane da risolvere.

Un ulteriore problema potrebbe essere rappresentato dall’aumento dell’offerta illegale su internet, per tale motivo è indispensabile comunicare le differenze tra casinò legali e illegali.

Il settore è pieno di novità tecnologiche e specifiche potrebbe essere questo il momento per lanciarne altre, ancor più creative e multimediali come il settore delle ‘scommesse da banco’.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore