giovedì, Ottobre 17

Costa Rica: Carlos Alvarado nuovo presidente La campagna elettorale si è incentrata soprattutto su matrimoni gay e diritti delle persone Lgbt

0

‘Grazie, Costa Rica’. Con questo semplice tweet Carlos Alvarado Quesada ha annunciato d’essere il nuovo presidente del Paese centramericano fino al 2022. Ex ministro del Lavoro, 38 anni, con oltre il 60% dei voti ha battuto il rivale conservatore e pastore evangelico, Fabricio Alvarado, che ha ottenuto il 39,3% dei voti.

Carlos Alvarado, prima d’entrare in politica, è stato giornalista, scrittore di romanzi e componente della rock band Dramatika. La campagna elettorale si è incentrata soprattutto su matrimoni gay e diritti delle persone Lgbt.  Sul voto ha pesato molto la sentenza della Corte interamericana per i diritti umani, che il 9 gennaio ha stabilito il riconoscimento legale delle nozze tra persone dello stesso sesso in tutti i Paesi membri.

Fabricio Alvarado aveva cavalcato il fronte del no, attaccando nei comizi anche la fecondazione in vitro e l’adozione di programmi d’educazione all’affettività nelle scuole secondarie. Accusando l’avversario di basarsi su posizioni cristiane estreme, Carlos Alvarado aveva invece sostenuto l’accesso al matrimonio per persone dello stesso sesso e la piena parità dei diritti.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.