venerdì, Aprile 26

Cos’è il programma Diversity Immigrant Visa che Trump vuole cambiare? Dopo l'attacco terroristico di New York, il presidente si è scagliato di nuovo contro gli immigrati e ha proposto un nuovo metodo di selezione

0

Dopo l’attacco terroristico di New York, Donald Trump si è scagliato di nuovo contro gli immigrati e ha proposto un nuovo metodo di selezione per i partecipanti al Diversity Immigrant Visa, non più regolato dal caso ma fondato sul merito.

Ma in cosa consistono più specificamente la Green Card e il programma Diversity Immigrant Visa, e perché quest’ultimo è stato introdotto? La Green Card non è altro che il permesso di soggiorno rilasciato dalle autorità statunitensi agli stranieri che vogliono trasferirsi negli Usa per un periodo indefinito. Si tratta di un permesso valido per dieci anni e rinnovabile e può essere ottenuto tramite richiesta di un parente già in possesso della cittadinanza statunitense, di un datore di lavoro attivo nei confini nazionali o attraverso l’iscrizione al Diversity Visa Program. Cinque anni dopo aver ottenuto il permesso di soggiorno, le persone in possesso di Green Card possono richiedere la cittadinanza americana.

Il programma Diversity Immigrant Visa invece consiste in una vera e propria lotteria che ogni anno mette a disposizione 55mila Green Card solo per soggetti provenienti da Paesi con un basso tasso di immigrazione negli Stati Uniti. Tra i requisiti per parteciparvi il non avere familiari già residenti negli Usa, aver portato a termine un percorso di studi di 12 anni o maturato un’esperienza lavorativa di almeno 24 mesi in un settore professionale specifico.

Milioni di persone ogni anno partecipano al Diversity Immigrant Program: il record è stato registrato nel 2010, quando addirittura 15 milioni di persone presentarono domanda per la lotteria. E per il 2018 hanno presentato domanda al momento in 14 milioni.

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.