martedì, Agosto 4

Cosa portare in vacanza, ma sul cellulare Tralasciando le app di giochi come i free spins, quali app di utilità aiutano nella fase di preparazione e durante il viaggio?

0

L’ estate è alle porte ed è giunto il momento di organizzare tutto per non farsi trovare impreparati alla partenza per le meritate vacanze. Il cellulare ci aiuta molto in questo frangente, in quanto è possibile portare tutto in vacanza attraverso alcune app. Tralasciamo le app di giochi come i free spins che meriterebbero un capitolo a parte, mentre diamo maggiore spazio a quelle di utilità che effettivamente aiutano i vacanzieri nella fase di preparazione e durante il viaggio.

PackPoint’ più che un’app per le vacanze è un’app per prepararsi alle vacanze. Tramite quest’applicazione infatti potremmo andare a creare delle liste degli oggetti da portare con noi durante il viaggio, ma senza partire ogni volta da zero.

Ogni volta che si crea un nuovo viaggio ci viene infatti chiesto di inserire la destinazione, la data di arrivo, il numero di notti, il motivo del viaggio (vacanza, lavoro o entrambe). Infine, in base al tipo di viaggio scelto, vengono proposte delle attività di vario tipo, in cui sta all’utente scegliere quali dovrà svolgere nel corso della sua vacanza.

In base a queste informazioni ‘PackPoint’ va a creare delle liste di oggetti da mettere in valigia, cercando di tenere in considerazione i dati inseriti e il clima del periodo scelto per il viaggio. L’ utente poi può ovviamente aggiungere, rimuovere e modificare le quantità degli oggetti nelle liste, arrivando in breve tempo a una lista definitiva per la propria vacanza.

È importante poi scaricare ‘CityMapper’.  Quest’ app supporta un numero limitato di località di grandi dimensioni, ma per quelle supportate fornisce una copertura totale su tutti i mezzi di trasporto a disposizione del turista.

Una volta selezionata la città d’interesse è possibile visualizzarne tutte le linee di metro, bus e treni, con anche le mappe complete disponibili da visualizzare. Inoltre rilevando la posizione attuale o spostando il cursore sulla mappa è possibile vedere tutte le fermate vicine a sé, con anche informazioni riguardo i prossimi mezzi in arrivo a tali fermate. C’è anche la possibilità di impostare una destinazione e l’app andrà a consigliare i mezzi e le tratte per raggiungerla.

In vacanza è sempre bene conoscere… dove andare in bagno! Con ‘Where is Public Toilet’ si ha la possibilità di avere accesso ad una mappa in cui sono presenti delle icone per segnalare la presenza di bagni pubblici, con anche la possibilità alternativa di visualizzazione a lista per ordine di distanza. Una volta selezionato il bagno di proprio interesse è possibile tramite dei comandi rapidi ottenere indicazioni stradali per raggiungerlo, visualizzare la zona tramite StreetView oppure anche modificare/eliminare l’indicazione se dovesse essere sbagliata.

Per contribuire all’efficacia dell’app è inoltre possibile segnalare dei bagni pubblici non presenti nell’app, in modo da aggiungerli, inserendo una serie di informazioni a riguardo che consentono poi agli altri di trovare un bagno adatto alle proprie esigenze (es: non a pagamento, adatto a disabili, ecc.) tramite l’applicazione di filtri di ricerca. L’app è gratuita. Queste app ci renderanno la vita molto più semplice durante le nostre meritate vacanze.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore