giovedì, Aprile 18

Cosa farà Beppe Grillo Barnum Italia. Leoni, funamboli, ippopotami e pagliacci / 55

0

Insegna Leonardo Sciascia, e prima di lui Edgard Allan Poe, che guardare dal buco della serratura è inutile, così come affannarsi a cercare retroscena e dietro le quinte, la verità (la realtà, se vogliamo) è quasi sempre già pubblicamente esposta, basta saper leggere gli eventi, i fatti, le carte ed i documenti noti: e così è anche per Beppe Grillo e per il suo ‘appartarsi’. E per la concreta ipotesi che stia valutando di rimettere con forza ‘i piedi nel piatto’ della politica italiana da cui si è strategicamente defilato dopo la ‘Seconda vittoria’ elettorale del 4 marzo 2018. (La prima alle precedenti Elezioni Politiche del 24 e 25 febbraio 2013, con la clamorosa ‘esplosione’ che portò il suo MoVimento Cinque Stelle al 25,56%, e ad essere la prima forza politica per consensi sopravanzando sul territorio nazionale il PD dello 0,13% e di 45.000 voti).  

Beppe Grillo in realtà continua a ‘parlare’, poco considerato dagli osservatori e commentatori mainstream, dal suo www.beppegrillo.it (‘Il Blog di Beppe Grillo’) ‘riconquistato’ ad una dimensione personale e propositiva dopo essere stato il principale, clamoroso, propulsore dell’affermazione dell’avventura personale, pluripersonale, collettiva e politica infine definitasi come ‘MoVimento Cinque Stelle’. Ne analizzeremo via via, e complessivamente, i contenuti e il ‘nuovo’, non poco, che ne emerge. (Il M5S utilizza da allora ‘Il Blog delle Stelle’, www.ilblogdellestelle.it). L’attuale MoVimento ha le proprie radici in decenni e decenni di attività politica ‘in proprio’ da parte dell’attore genovese, e in questo caso ‘attore’ lo intendiamo non solo come esercitante un’attività di intrattenimento, ma come chi ‘agisce’. Ha operato provando, saggiando, evolvendo, vagliando, dando fiducia e togliendola a persone diverse sino al fondamentale, fecondo incontro con Gianroberto Casaleggio che da ‘sviluppatore’ digitale è passato a vincente ‘sviluppatore’ delle idee e potenzialità di Grillo.  

In ‘Il ritorno di Beppe Grillo’ su ‘L’Indro’ di mercoledì 29 agosto (2018), prima parte di questa analisi in quanto sta facendo e preparando il rivoluzionario ligure, abbiamo esaminato motivi e prospettive del suo comportamento attuale. Certo, c’è anche nel ‘suo’ MoVimento’ chi tira un sospiro di sollievo a fronte del suo defilarsi, e quanto più lungo e rigoroso sia, tanto più ne sarà contento. Dato che la gratitudine è raramente di questa terra: intesa sia come pianeta che, ancor più, come Italia. Ma il suo silenzio è operoso, riepilogativo ed ‘operativo’, seppur in maniera atipica. E così l’’inventore’ e leader del Movimento Cinque Stelle, in continuità con la propria storia, si prepara ad intervenire. Una ‘storia’, la sua e quella delle sue ‘creature politiche’, che non è stata mai realmente ed organicamente ricostruita. Una ‘Storia fattuale’ di Giuseppe ‘Beppe’ Grillo sarebbe, è, utile. Ancor più, forse: necessaria. E quindi…

In mezzo a tanti italici funamboli, ippopotami e pagliacci, un comico ha dimostrato che si può incidere realmente sulla realtà. E per capire qualcosa di più di come si muoverà nelle prossime settimane e mesi può essere utile vedere anche il calendario del suo ‘Insomnia tour’, traendone qualche ulteriore indicazione. Adesso, sabato 1 settembre, è a Loano, in Liguria. E lo spettacolo è divenuto ’Insomnia… (ora dormo)’. Spiega lui stesso: «L’insonnia che tormenta Grillo da 40 anni lo porta a farsi domande scomode, a interrogarsi sull’ovvio e a trovare risposte azzardate, a diventare il personaggio che tutti conosciamo. Un viaggio nella vita del comico che (…) si racconta in uno spettacolo intimo e autentico». Poi a ottobre, dopo un passaggio il 20 a Locarno, in Svizzera, ‘approderà’ finalmente in grande in Italia. ‘Ripartendo’ dalla sua Genova dove sarà giovedì 25 e venerdì 26, al ‘Politeama Genovese’. Un appuntamento particolarmente significativo, all’interno del suo volere fare il punto sulla situazione. Personale, politica, e non solo. E, pur non intendendo destabilizzare il MoVimento Cinque Stelle ed il Governo che ha decisivamente contribuito a creare, rilanciando.

 

2 / (fine)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’