martedì, Marzo 26

Cosa fa l’ex-Inter Quaresma fuori dal campo di Istanbul? Quaresma, il lusitano famoso per le sue mosse con il pallone, si é sottoposto a un trattamento di capelli in Turchia

0

Nella clinica Elithairtransplant a Istanbul, il Dottor Balwi effettua ogni anno migliaia di trattamenti di capelli che rendono i pazienti contenti e soddisfatti. Quest’anno tra i suoi pazienti c’é il grande Ricardo Quaresma, campione d´Europa con il Portogallo, in Italia è famoso per essere il creatore della ‘trivela‘ e per essere stato una delle mosse di mercato più incredibili compiute dall’Inter. Ma il famoso portoghese, amico di Cristiano Ronaldo, non è mai stato tanto amato dai tifosi come nel Beşiktaş, in Turchia. Ed è nella capitale di questa nazione, nell’ Istinye Üniversitesi Hastanesi, che ha affrontato il suo trattamento.

Il giocatore non ha affrontato un trapianto di capelli, anche inizialmente questo era il suo desiderio. Il dottor Balwi, infatti, gli ha consigliato una micropigmentazione, che avrebbe avuto un risultato più soddisfacente. Questa tecnica ha lo scopo di rendere i capelli diradati visibilmente più folti, praticando dei puntini che danno lo stesso risultato del trucco permanente.

Ma é sempre possibile fare una tricopigmentazione e non un trapianto?

La tricopigmentazione non è sempre abbastanza per risolvere la calvizie. In Turchia, la clinica Elithair é nota e apprezzata per i trapianti di capelli con la tecnica FUE. Mediante questa tecnica, i follicoli capillari vengono prelevati da una zona donatrice e spostati su un’altra zona affetta da calvizie. Qui si presenta la solita domanda: per il trapianto viene utilizzata un’anestesia? E tale anestesia viene somministrata tramite un ago? Incredibilmente, Elithaitransplant, dove si è rivolto Quaresma, non fa uso di aghi, quindi niente paura. Viene usato un tipo di siringa, che si può paragonare a una piccola pistola ad aria compressa, la quale viene appoggiata sulla pelle e una volta attivata vaporizza l’anestetico attraverso l’epidermide senza causare dolore.

E se lo facessi anche io?

In Turchia il trapianto di capelli ha costi piú bassi, ma ciò non significa che la qualità sia inferiore. Costi accessibili e tecniche d’eccellenza. Alcune delle tecniche innovative sono per esempio il Direct Hair Implant, che riduce l’impatto sulla cute o l’uso della punta in zaffiro. Altro trattamento offerto dalla clinica è il PRP, che consiste nella stimolazione cellulare dei follicoli, che provoca l’aumento della loro vitalità. La terapia rafforza la crescita dei follicoli piliferi e nel caso di un trapianto, induce ulteriormente la crescita di capelli. I metodi sono all’avanguardia, ma i prezzi non svuotano il vostro conto come succederebbe in Europa.  

Alla fine dei conti, non importa chi siamo e quanta fama abbiamo. Se il nostro aspetto esteriore non ci convince del tutto, perché non dovremmo trovare una soluzione tra le varie scelte proposte dalla nuova tecnologia?

Vorresti saperne di più? Vai a questo link: https://elithairtransplant.com/italy/quaresma/

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore