venerdì, Novembre 27

Cos’è un numero VIN? Il Numero di Identificazione del Veicolo corrisponde al numero di serie di un’auto ed è essenziale durante il suo acquisto

0

Probabilmente avrete già sentito questo termine almeno una volta: il numero VIN di un veicolo. Tuttavia, non tutti sanno cosa significa e quanto sia importante quando si acquista un’auto.

Il VIN, il cui acronimo tradotto dalinglese significa Numero di Identificazione del Veicolo, corrisponde al numero di serie di un veicolo, che a differenza del numero di serie di un telefono cellulare, contiene informazioni importanti sul veicolo, essenziali durante la fase di acquisto.

Per quanto complesso possa sembrare, è facile da comprendere una volta trovato e in siti come carVertical puoi verificarlo online. In genere si trova in 3 posti diversi.

Il primo posto è dove si trova il motore, al quale si può accedere semplicemente sollevando il cofano e guardando la parte situata verso il posto del passeggero, meglio conosciuta come ‘muro del fuoco’. Il secondo codice lo troverete sul posto del passeggero, più precisamente sotto il suo tappetino, e il terzo, essendo il punto più facile da notare, si trova nel parabrezza anteriore.

Subito dopo averlo localizzato, noterete che il VIN è composto da 17 cifre alfanumeriche, che si compongono di quattro sezioni. E per capirlo, inizieremo con la prima.

La prima cifra indica il Paese di origine, può essere un numero o una lettera. I numeri 1, 4 e 5 corrispondono agli Stati Uniti, il 2 appartiene al Canada, il 3 al Messico, il 6 e il 7 all’Oceania e il resto al Sud America. Se vi trovate al di fuori di questi Paesi, è descritto con delle lettere. Ad esempio, W appartiene alla Germania, mentre la Cina usa L. Alcuni paesi usano due acronimi, come la Francia che usa VR o VF.

La seconda ci indica il costruttore del veicolo, per esempio la T corrisponde alla Toyota, la H alla Honda, anche se non sempre la lettera coincide con il marchio, questo è il caso della Kia che utilizza la N, così come la Nissan e l’Infiniti.

Il terzo carattere indica il tipo di auto, naturalmente è creato e deciso dalle aziende di auto, GM assegna il numero 1 all’autovettura, cioè un’auto ideale per il trasporto privato di persone, mentre utilizza 2 per indicare i pick up.

Va ricordato che le cifre 1, 2 e 3 ci indicano l’origine, il costruttore e il tipo di veicolo, ma non il modello.

Dal quarto carattere all’ottavo, troviamo la seconda parte del vin che ci dirà esattamente a quale veicolo si riferisce. Ogni marca usa i propri numeri, ma in breve si può sapere che tipo di motore ha, il modello, la versione e le specifiche generali.

La nona cifra è un’unità di controllo. Per spiegare in modo semplice, è il numero che ha il compito di verificare e convalidare che ogni numero del codice sia quello giusto, per mezzo di un’equazione matematica, dimostrando che il vin non è un falso.

La decima cifra ci indica l’anno di fabbricazione, che di solito è una lettera. Nel 1980 questo sistema ha cominciato ad essere utilizzato, quindi questo anno viene indicato con la lettera A e i successivi così via fino a che non si ricomincerà con lalfabeto.

L’impianto di assemblaggio è quello a cui si riferisce l’undicesima cifra, come già detto, ogni marchio utilizza la lettera corrispondente.

Infine, le ultime sei cifre sono un’unità di controllo interno o un numero di produzione. In questo modo a ciascuna delle diverse produzioni viene assegnato un numero.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore