mercoledì, Ottobre 28

Coronavirus: mascherine e guanti, quella fine che non dovrebbero fare I guanti e la mascherina che hai buttato brutalmente in terra danno l’idea di una mente che la vita molto male afferra. È più che malsano il tuo brutto gesto, per nulla fecondo

0

Ma che è accaduto a qualche nostro soggetto italianoIo mero illuso che, con il virus, fosse diventato almeno più umano!

Lo so, lo so, che non siamo stati tutti a far tutto questoma di sicuro qualcuno l’avrà fatto questo brutto gesto!

Sì qualche personaggio, che coi guanti e la mascherina avrà scampato il virus, ma la sua testa è poco più di un’ampollina.

No, no, ci mancherebbe altro, non mi rivolgo agli italiani tutti. Perché quelli che fan cosi, son poco cittadini per quanto sono brutti.

Dopo questa inaspettata e malsana esperienzamolti di noi s’auguravano bellezza e intelligenza. C’eravamo detti: Le cose dovranno certamente mutarela vita da oggi è più che un dovere poterla rispettare!

Non sembravano affatto promesse da marinaioIo l’ho scampata e lascio a voialtri il guaio! E no, caro mio, le tue mani lascive e il tuo brutto muso ce l’avranno fatta, ma tu hai il cervello in disuso.

I guanti e la mascherina che hai buttato brutalmente in terra danno l’idea di una mente che la vita molto male afferra. È più che malsano il tuo brutto gesto, per nulla fecondo.

Tu, caro mio, sei ancora quello… quello che maltratta il mondo!

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore