domenica, Giugno 7

Coronavirus: l’Africa punta sulla ricerca Scienziati e istituzioni africane sono preparate a condurre studi clinici per vaccini e medicinali

0

La preparazione dell’Africa a contenere la diffusione di COVID-19 è determinata da diversi fattori. Come sostiene Moses John Bockarie del South African Medical Research Councill’attenzione finora è stata rivolta ai sistemi sanitari deboli dell’Africa. Ma la crescente competenza scientifica della regione in virologia, genomica e le collaborazioni intersettoriali per svolgere ricerche che informeranno altrettanto le politiche di contenimento. E sono stati ampiamente ignorati.

Il mondo è concentrato sullo sviluppo di diagnostica, vaccini e farmaci per COVID-19. In questo contesto, è importante vedere come gli scienziati e le istituzioni africane sono preparate a condurre studi clinici per vaccini e medicinali.

Sono già in corso lavori innovativi. L’Africa, sia a livello di continente che a livello di singoli Paesi, è più preparata a svolgere ricerche sulle infezioni emergenti rispetto alle epidemie di Ebola nell’Africa occidentale a partire dal 2013.

Un esempio – afferma Bockarie – è l’istituzione dell’ Africa Centres for Disease Control. È stata fondata dall’Unione Africana nel 2016 a seguito delle epidemie di Ebola nell’Africa occidentale. È un’istituzione tecnica specializzata che sostiene le iniziative di sanità pubblica degli Stati membri. È inoltre progettata per rafforzare la capacità e le capacità delle istituzioni sanitarie pubbliche africane. L’obiettivo è garantire che i Paesi africani possano individuare e rispondere rapidamente ed efficacemente alle minacce e alle epidemie, sulla base di interventi e programmi basati sui dati.

Molti paesi sono anche meglio attrezzati per fare ricerche innovative. Meno di una settimana dopo il primo caso confermato di COVID-19 in Nigeria, gli scienziati locali hanno riportato la prima sequenza genomica di SARS-CoV-2 dall’Africa. La sequenza è stata immediatamente resa disponibile per l’uso da parte della comunità scientifica globale.

Il 1 ° marzo 2020, un campione del primo caso nigeriano di COVID-19 è stato inviato a due dei principali istituti di ricerca nigeriani. Questi erano il Centro di eccellenza africano per la genomica delle malattie infettive all’Università del Redentore e il Centro di virologia umana e genomica presso l’Istituto nigeriano di ricerca medica per il sequenziamento e la caratterizzazione molecolare.

Il tempo di consegna dalla ricezione del campione alla generazione della sequenza è stato di tre giorni. L’analisi del genoma era coerente con la storia dei viaggi della persona infetta che era entrata in Nigeria dall’Europa. L’elaborazione dei campioni e l’analisi dei dati sono stati uno sforzo collaborativo di diverse istituzioni locali. I partner al di fuori dell’Africa hanno fornito un supporto limitato.

L’istituzione di numerosi istituti nazionali di sanità pubblica, con il sostegno del Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie in Africa, ha creato l’ambiente regionale per i lavori di genomica da eseguire su larga scala utilizzando apparecchiature ad alto rendimento.

La svolta ha dimostrato che la Nigeria ha un alto livello di competenza tecnica, velocità di elaborazione, rigore scientifico.

Un altro esempio: i ricercatori sudafricani hanno recentemente riportato il sequenziamento del genoma di un campione locale di SARS-COV-2. Il sequenziamento di SARS-CoV-2 è stato eseguito in Cina, negli Stati Uniti e in Europa per determinare l’identità del ceppo locale del virus.

Gli studi di sequenziamento, ricorda Bockarie, sono importanti per rilevare nuove forme di virus se si verificano mutazioni. Questo è fondamentale per la sorveglianza per determinare la diffusione del virus. I dati generati da studi genomici informano anche lo sviluppo di vaccini.

Molti paesi in Africa, tra cui Nigeria, Kenya e Sudafrica, possiedono ora laboratori nazionali di livello 3 di sicurezza biologica per lavorare con virus e altri agenti patogeni altamente infettivi. Gabon e Sudafrica hanno laboratori di livello 4 di biosicurezza.

Questi sviluppi segnano un cambiamento significativo negli ultimi sette anni. Ad esempio, afferma Bockarie, nella prima fase dell’epidemia di Ebola nell’Africa occidentale quasi tutte le sequenze del genoma sono state eseguite al di fuori dell’Africa. Gli scienziati africani hanno lavorato come partecipanti secondari. E prima dell’epidemia di Ebola in Sierra Leone nel 2014, nessuna struttura nazionale era attrezzata per eseguire i test molecolari necessari per la diagnosi delle infezioni virali.

Ma entro il 2016, i laboratori erano stati istituiti per eseguire localmente il sequenziamento del genoma. Molti virologi ed epidemiologi sono ora in grado di collaborare con biologi molecolari esperti e attrezzati.

L’Africa Centers for Disease Control sta dirigendo gli sforzi regionali nella ricerca e gestione del COVID-19 sul continente. Inoltre, il Forum sulla regolamentazione dei vaccini africani presso l’Ufficio regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità assiste i paesi nella revisione delle proposte di studi clinici per vaccini e farmaci. L’obiettivo è proteggere la proprietà intellettuale del continente.

A livello nazionale, le indagini virologiche e genomiche condotte in Nigeria nel marzo 2020 sono state coordinate dal Centro per il controllo delle malattie della Nigeria. Il Consiglio per la ricerca medica sudafricana ha recentemente istituito un Centro di genomica per consentire il sequenziamento dell’intero genoma a prezzi accessibili in Africa per facilitare l’innovazione sanitaria.

Data la gravità della minaccia COVID-19, stanno offrendo finanziamenti per la ricerca nel continente. Ad esempio, il partenariato per le prove cliniche dei paesi europei e in via di sviluppo ha lanciato un invito a presentare proposte per sostenere le attività di ricerca nell’Africa subsahariana per gestire e prevenire la diffusione di COVID-19. La partnership è finanziata dall’Unione Europea. Il budget per le chiamate di € 4,75 milioni include finanziamenti del Dipartimento per la scienza e l’innovazione del Sudafrica.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore