sabato, Agosto 8

Coronavirus: il post-pandemia secondo l’intelligence La Società Italiana di Intelligence affronta le conseguenze sui fattori di potenza dello Stato e propone qualche soluzione

0

Analisi di Intelligence e Proposte di Policy sul Post-Pandemia COVID-19 (aprile 2020 – aprile 2021)’ è il titolo della ricerca della Società Italiana di Intelligence che ha cercato di unire i punti di quanto sta accadendo per definire possibili azioni nel breve periodo.
Lo studio verrà costantemente aggiornato.
La ricerca, curata dal Presidente della SOCINT,
Mario Caligiuri, Direttore del Laboratorio sull’Intelligence dell’Università della Calabria, è stata redatta insieme ai ricercatori Roberto Macheda (Ricaduta Economica), Francesco Napoli (Ricaduta Industriale – Piccola e Media Impresa), Luigi Barberio (Ricaduta Economica – Ricaduta Industriale) e Luigi Rucco (Ricaduta Scientifica).
La ricerca affronta le
conseguenze sui fattori di potenza dello Stato, da quello politico a quello economico, da quello industriale a quello scientifico, evidenziando il ruolo l’intelligence nella tutela dell’interesse nazionale.

Utilizzando un approccio scientifico, il documento si articola in due parti: una riservata all’analisi e l’altra alle proposte. Sono state esaminate una serie di tendenze in modo organico, con l’orizzonte temporale dell’aprile 2021.
In particolare si sostiene che
l’elemento più grave da affrontare sarà il disagio sociale, conseguenza degli aspetti sanitari, economici e politici. Il disagio sociale rischia anche di riaccendere le spinte separatiste nelle aree più sviluppate del Paese.
L’aspetto centrale, secondo i ricercatori, sarà questo: dal
punto di equilibrio che si raggiungerà tra le condizioni di indigenza e la riduzione del benessere, potrebbe dipendere la sicurezza delle istituzioni democratiche del nostro Paese.
Parimenti stanno emergendo tendenze verso un potenziale allontanamento dall’Unione Europea,
evidenzia lo studio.
A livello di policy,
si è posto l’accento su misure che possano riequilibrare il divario tra classi sociali e in particolare tra le élite pubbliche e i cittadini, attraverso interventi strutturali sulla riduzione dei costi della politica e dell’apparato burocratico e non solo. «Ci sarà bisogno di scelte dolorose che rispondano a criteri minimi di giustizia sociale. Tra queste, si può discutere tempestivamente su: tassare le grandi rendite;porre un tetto alle pensioni d’oro; ridurre gli emolumenti e i benefici ai parlamentari e ai consiglieri regionali; diminuire i compensi dei direttori generali della sanità e delle figure apicali dei ministeri e delle regioni; limitare i compensi degli addetti delle alte istituzioni (Presidenza della Repubblica, Parlamento, Corte Costituzionale ed altro)».Provvedimenti, molti, anche se non tutti, per i quali in gran parte basterebbe un decreto legge. Si tratta di somme che incidono poco sul bilancio dello Stato, ma rispondono molto a criteri di ragionevolezza per riavvicinare le élite ai cittadini e per selezionare una classe politica più accorta.
Viene sottolineata la necessità di  «iniziative politiche di alto spessore, che mirino ad affrontare i nodi strutturali e non a un consenso politico immediato e a breve termine».
L’attuale condizione di emergenza, si sottolinea, può essere molto utile per porre le basi per una serie di provvedimenti quali «adottare una politica di redistribuzione del reddito» e «formulare il bilancio dello Stato, orientando diversamente la spesa pubblica».

È emersa, poi, la necessità di ridefinire i poteri tra Stato e Regioni specie in ambito sanitario.

A livello geopolitico, si è posto il tema di un chiaro posizionamento italiano rispetto alle alleanze internazionali, avendo come punto di riferimento l’interesse nazionale e evitando le politiche ondivaghe.

Sul piano militare, l’analisi ha preso in esame il probabile ridimensionamento dei fondi nel bilancio dello Stato nel settore della Difesa, stimato in circa 3 miliardi di Euro. Inoltre, si è posto l’accento sulla protezione del dominio cyber e la prevenzione di minacce nuclearibiologiche e chimiche, considerato che l’attuale pandemia potrebbe non essere l’ultima.

Nell’ambito economico e industriale, si è prevista la debolezza italiana sui mercati internazionali, che potrebbe comportare infiltrazioni criminali e acquisizioni degli asset nazionali da parte estera. Pertanto viene auspicato l’aggiornamento della normativa del golden power, valutando in questa fase il divieto di vendita delle aziende strategiche. Per i ricercatori della Socint i rischi vanno monitorati non solo nell’immediato, ma anche nel medio periodo, poiché la criminalità organizzata, le multinazionali, le banche d’affari, i fondi sovrani e i Paesi stranieri potrebbero agire a distanza di tempo ponendo però adesso le basi per i loro interventi futuri.
Inoltre, proprio ora andrebbero predisposte le condizioni legislative e fiscali per incentivare il rientro delle sedi legali delle aziende e delle attività produttive.

A livello scientifico si è evidenziata la necessità di rafforzare la sicurezza dei dati e delle infrastrutture digitali, in particolare delle strutture sanitarie e della ricerca. È stata richiamata l’importanza di bilanciare il ruolo degli scienziati con quello dei decisori politici, poiché si è passati da una iniziale sottovalutazione degli esperti a fare dipendere da loro anche parte delle scelte politiche.
Infine, è stato fatto notare che l’
emergenza educativa non può essere affrontata semplificando ulteriormente i percorsi di studio perché questo sicuramente accrescerà le distanze sociali e le differenze territoriali tra Nord e Sud.

Da domani 21 aprile ‘L’Indro’ pubblicherà integralmente il testo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore