sabato, Settembre 19

Coree – USA: il nodo si conferma la presenza militare americana nella penisola coreana Nel vertice di oggi tra i presidenti Trump e Moon Jae-in i 28.500 soldati americani nella penisola coreana sono l’ostacolo da superare per portare Kim al tavolo

0

Alla vigilia del vertice di oggi tra il Presidente americano Donald Trump e il Presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in, la Casa Bianca, attraverso il numero due, Mike Pence, manda un messaggio minatorio alla Corea del Nord. In occasione di un’intervista a ‘Fox News’, il vicepresidente Pence ha detto: «Il Presidente ha messo in chiaro che potrà solo finire come il modello libico se Kim Jong-un non fa un accordo. Speriamo davvero che Kim Jong-un voglia cogliere questa occasione per smantellare il suo programma nucleare facendolo in modo pacifico».  Pyongyang in questi giorni aveva minacciato di far saltare il faccia a faccia tra Kim e Trump, fissato per il prossimo 12 giugno a Singapore, quando  il Consigliere per la Sicurezza Nazionale di Trump, John Bolton, aveva indicato ilmodello libicocome opzione (e Trump aveva immediatamente gettato acqua sul fuoco di questa dichiarazione), altresì Pyongyang aveva reclamato la riduzione della presenza militare americana nella penisola coreana e la sospensione delle esercitazioni militari con Seul.

Lo stesso Consigliere per la Sicurezza nazionale di Moon, Chung Eui-yong, quando lo scorso marzo ha consegnato a Trump l’invito di Kim, ha dichiarato la disponibilità del Nord alla «totale denuclearizzazione» ma «alle giuste condizioni».  Nell’incontro di oggi il vero nodo che i due presidenti si trovano davanti sarà la sostanza di quanto Pyongyang intende pertotale denuclearizzazione, alle giuste condizioni’, ovvero la presenza militare americana nella penisola coreana.

Ecco di cosa si stiamo parlando quando si parla di ‘presenza militare americana nella penisola coreana’:  28.500 soldati americani che rappresentano il ‘piccolo pezzo d’America nella penisola coreana. 8 basi americane di cui 4, situate vicino alla capitale coreana Seoul, la quale si trova a ridosso della zona demilitarizzata di Panmunjom, sono riservate all’Esercito: Camp Casey, Camp Red Cloud, Yongsan e Humphrays. 2 appartengono alla Marina militare e sono Camp Mujuk e Chinae e altre 2, Osan e Kunsan, all’Aeronautica. Ecco tutto ciò che c’è da sapere dei militari americani a Camp Humphrays: come sono armati, cosa fanno, come vivono.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore